Gig economy: quali diritti per il lavoratore
DIRITTO |

Gig economy: quali diritti per il lavoratore

IL GIOVANE GIUSLAVORISTA ANTONIO ALOISI STUDIA L'AREA GRIGIA DI INDETERMINATEZZA CHE SI COLLOCA TRA LE FIGURE DEI LAVORATORI DIPENDENTI E DI QUELLI AUTONOMI

L’ascesa dei servizi “just-in-time”, tipici dell’economia digitale, sta rivoluzionando la nozione stessa di lavoratore, mettendo alla prova l’impianto normativo esistente. Antonio Aloisi, dottorando di Diritto del lavoro, ha cominciato a occuparsi del tema alla fine del 2014, nel periodo in cui l’Economist dedicava una copertina ai “lavoratori alla spina” e l’International Labour Organization di Ginevra lanciava la quarta Conference on Regulating for Decent Work.
 
“Le piattaforme consentono di reclutare forza lavoro in tempi rapidissimi e di disfarsene con la stessa velocità. Da mere intermediarie, come si erano presentate agli albori dell’economia on demand, si sono trasformate in qualcosa di molto simile a tradizionali datori di lavoro. La platea dei lavoratori interessati è per ora contenuta, ma il fenomeno è in crescita esponenziale. Nessun mestiere è al riparo”.
 
Nel recente paper Il lavoro “a chiamata” e le piattaforme online della collaborative economy Aloisi si dedica in particolare alla gig economy, l’economia dei lavoretti a richiesta. I lavoratori che vi operano non sono classificati come dipendenti, eppure a stento li si può considerare autonomi, alla luce dell’esercizio delle prerogative di comando da parte delle piattaforme. Che cosa sono, allora? “Il dibattito è acceso. C’è chi pensa che si debba disegnare una terza categoria intermedia fra lavoratore dipendente e autonomo e chi invece sostiene che tale categoria non prosciugherebbe l’area grigia di indeterminatezza e insicurezza”. I contratti iper-flessibili tipici della gig economy non offrono protezioni come il salario minimo o l’indennità di malattia e sono spesso molto fragili dal punto di vista delle tutele. Il lavoratore è atomizzato e privato di ogni possibilità di sindacalizzarsi. Firma contratti on-line senza alcuna possibilità di negoziazione, è sottoposto a rigidi standard qualitativi da parte della piattaforma, noleggia tempo e competenze o – peggio ancora – è pagato a cottimo.
 
“Non esistono soluzioni universali. Qualche commentatore ha ipotizzato il ritorno al mutualismo, che in Italia vanta una lunga tradizione. Negli Stati Uniti, dove il fenomeno è in una fase avanzata, si sta lavorando alla nascita di piattaforme fondate da lavoratori”, conclude Aloisi.

Leggi le altre storie sul tema del capitale umano di dieci studiosi della Bocconi

Siamo chi assumiamo
Il popolo eletto che ha investito su di sé
Non solo ceo, l’importanza dei manager
Investire tempo nei figli paga
Vittoria incerta, candidati migliori
La rilevanza degli incentivi
Le conseguenze famigliari dell’incertezza
Autonomia decisionale: basta trovare l’equilibrio
La geografia del capitale umano
Non tutti i consiglieri valgono uno

 

di Claudio Todesco Bocconi Knowledge newsletter

News

  • ESG e finanza: un trend, non una moda

    Beltratti e Bezzecchi hanno intervistato gli asset manager italiani, scoprendo che i temi della sostenibilita' sono al centro delle loro scelte  

  • Perche' le aziende vogliono essere sostenibili anche senza ritorno finanziario

    Nicola Misani evidenzia la centralita' dei contratti impliciti: invisibili strette di mano non legalmente vincolanti, ma basati sulla comprensione reciproca di cio' che le parti si aspettano l'una dall'altra  

Seminari

  Giugno 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

Seminari

  • Ideology and Innovation

    Brian Silverman, Professor and J.R.S. Prichard and Ann Wilson Chair in Management at Rotman School of Management, University of Toronto Biography   For information or to receive the invitation link contact daniela.cereda@unibocconi.it

    Webinar

  • TBA

    Silvio Petriconi, Università Bocconi BROWN BAG SEMINAR The Brown Bag Seminar is cancelled.

    WEBINAR