La geografia del capitale umano
SCIENZE POLITICHE |

La geografia del capitale umano

MARCO PERCOCO, STUDIANDO LE DISUGUAGLIANZE TRA NORD E SUD ITALIA, HA OSSERVATO CHE LE DIFFERENZE DI ISTRUZIONE ALL'INDOMANI DELL'UNITA' HANNO PESATO MOLTO PIU' DELLE DIFFERENZE DI REDDITO

La dotazione di capitale umano può esercitare un’influenza determinante sullo sviluppo di una regione. È uno dei filoni di ricerca di Marco Percoco, che si occupa di geografia economica e sviluppo locale presso il Dipartimento di analisi delle politiche e management pubblico. Nel paper, scritto con Luisa Gagliardi, Regional Disparities in Italy over the Long Run: the Role of Human Capital and Trade Policy Percoco indaga i motivi del divario fra Italia settentrionale e meridionale.
 
“Non sono necessariamente le condizioni economiche di partenza a determinare i percorsi di sviluppo dei territori. All’indomani dell’unificazione d’Italia le differenze in termini di reddito non erano accentuate”. Vi era, invece, una diversa dotazione di capitale umano: il tasso di scolarizzazione del Nord era considerevolmente più alto. “È un capitale dormiente che si rivela con il processo di industrializzazione, quando lavoratori istruiti assicurano maggiore produttività. In presenza di economie di agglomerazione, l’investimento tardivo sull’istruzione non riesce a colmare il gap”.
 
Uno shock ambientale può ridurre o aumentare lo stock di capitale umano, esercitando su un territorio specifico un effetto nel lungo periodo. È il caso, ad esempio, dell’epidemia di influenza spagnola e dell’eradicazione della malaria, oggetto di due paper di Percoco. “La qualità dell’ambiente in cui si sviluppa il feto e in cui vivono i neonati fino a tre anni di età pesa sulle successive capacità cognitive. L’influenza spagnola provocò una riduzione del capitale umano per gli individui nati negli anni fra il 1918 e il 1920, portando a una diminuzione del numero medio di anni di istruzione scolastica. Al contrario, l’eradicazione della malaria nelle campagne del Mezzogiorno nel 1945-50 ha portato a un incremento della scolarizzazione”. Il capitale umano è persistente: gli effetti sulla produttività delle persone si manifestano dopo decenni e nel caso della malaria sono intergenerazionali.

Leggi le altre storie sul tema del capitale umano di dieci studiosi della Bocconi

Siamo chi assumiamo
Gig economy: quali diritti per il lavoratore
Il popolo eletto che ha investito su di sé
Non solo ceo, l’importanza dei manager
Investire tempo nei figli paga
Vittoria incerta, candidati migliori
La rilevanza degli incentivi
Le conseguenze famigliari dell’incertezza
Autonomia decisionale: basta trovare l’equilibrio
Non tutti i consiglieri valgono uno
 

di Claudio Todesco Bocconi Knowledge newsletter

News

  • ESG e finanza: un trend, non una moda

    Beltratti e Bezzecchi hanno intervistato gli asset manager italiani, scoprendo che i temi della sostenibilita' sono al centro delle loro scelte  

  • Perche' le aziende vogliono essere sostenibili anche senza ritorno finanziario

    Nicola Misani evidenzia la centralita' dei contratti impliciti: invisibili strette di mano non legalmente vincolanti, ma basati sulla comprensione reciproca di cio' che le parti si aspettano l'una dall'altra  

Seminari

  Giugno 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

Seminari

  • Ideology and Innovation

    Brian Silverman, Professor and J.R.S. Prichard and Ann Wilson Chair in Management at Rotman School of Management, University of Toronto Biography   For information or to receive the invitation link contact daniela.cereda@unibocconi.it

    Webinar

  • TBA

    Silvio Petriconi, Università Bocconi BROWN BAG SEMINAR The Brown Bag Seminar is cancelled.

    WEBINAR