Quando la concorrenza cinese mette a repentaglio la salute
ECONOMIA |

Quando la concorrenza cinese mette a repentaglio la salute

UNO STUDIO DI JEROME ADDA MOSTRA LA CORRELAZIONE TRA LE IMPORTAZIONI DAL PAESE E L'AUMENTO DELLA PROBABILITA' DI MORTE IN ITALIA E STAI UNITI

Il dibattito sulle conseguenze del commercio internazionale, alimentato dalla globalizzazione, sui paesi sviluppati riguarda solitamente effetti legati al mercato del lavoro, come l’aumento della disoccupazione e la riduzione dei salari. Esiste, però, un costo nascosto della competizione commerciale, che viene considerato di rado: l’impatto sulla salute dei lavoratori. Nel paper Trade-Induced Mortality, Jérôme Adda (Dipartimento di Economia) e Yarine Fawaz indagano l’influsso della competizione commerciale sulle diverse cause di mortalità in Italia e negli Stati Uniti. L’ipotesi è che la riduzione dell’occupazione nel settore manifatturiero, causata dall’incremento delle importazioni provenienti dalla Cina, abbia provocato un effetto sulla mortalità dei lavoratori tramite il deterioramento della salute mentale, abitudini come bere e fumare, l’aumento del pendolarismo con conseguente incremento degli incidenti stradali e, negli Stati Uniti, la perdita dell’assicurazione sanitaria.
 
Per verificarlo, Adda e Fawaz hanno confrontato dati sulla mortalità a livello individuale con l’andamento del commercio internazionale negli ultimi vent’anni e oltre. Risultato: l’incremento delle importazioni dalla Cina ha provocato un aumento della probabilità di morte in entrambi i paesi, un cambiamento che si rileva da quattro a sei anni dopo lo shock commerciale. Negli Stati Uniti le principali cause di tali decessi sono suicidio, cirrosi epatica, malattie respiratorie. In Italia si registra un impatto soprattutto sui colletti bianchi delle piccole imprese. In particolare, un incremento nelle importazioni pari a un miliardo di dollari provoca un incremento della mortalità dei lavoratori del settore manifatturiero pari al 2% negli Stati Uniti e al 7% in Italia. Significa, rispettivamente, 330 e 250 morti l’anno in più per ogni miliardo di dollari di importazioni.

Per approfondire:
Andrea Colli. Chi vince e chi perde al gioco, per niente nuovo, della globalizzazione
Ha origine a Pechino il malessere dell'Europa. Uno studio di Italo Colantone e Piero Stanig
Il senso di paura non basta a spiegare i nuovi populismi. Uno studio di Massimo Morelli
Alimentata dalle importazioni anche la bolla finanziaria Usa. Uno studio di Julien Sauvagnat
 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • La risposta emotiva del pubblico alla crisi sanitaria

    Tre professori della Bocconi di diverse discipline hanno analizzato 6,5 milioni di tweet nel corso della pandemia  

  • Predire il comportamento dei cittadini in una pandemia

    Jerome Adda sta indagando su un elemento chiave nell'implementazione di politiche in grado di minimizzare l'infezione  

Seminari

  Agosto 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Brown Bag Seminar with Elica Krasteva

    Elica Krasteva (Università Bocconi)

    Webinar

  • Accounting Department Seminar with A.Huang

    Allen Huang (HKUST)   Registration   Note that Zoom registration is required – this can be done before the seminar date by clicking on the Registration link.

    Webinar