I benefici per il mercato dei regolari
SCIENZE POLITICHE |

I benefici per il mercato dei regolari

VANTAGGI E SVANTAGGI DELLA REGOLARIZZAZIONE DEI MIGRANTI IN UNO STUDIO DI ALESSANDRA CASARICO

Secondo i dati Eurostat, 650 mila persone hanno richiesto asilo nel corso del 2017 nei 28 stati membri dell’Unione europea. I migranti la cui richiesta di protezione internazionale viene respinta possono trasformarsi in irregolari, sommandosi ai cosiddetti migranti economici. Identificare i vantaggi e gli svantaggi che derivano dalla loro regolarizzazione è importante per determinare le politiche rilevanti in questo campo. È quel che hanno fatto Alessandra Casarico, Giovanni Facchini e Tommaso Frattini nello studio What Drives the Legalization of Immigrants? Evidence from IRCA, concentrandosi in particolare su un aspetto trascurato dalla letteratura: i benefici sul mercato del lavoro. «Quando ottengono lo status di lavoratori regolari, i migranti altamente qualificati hanno maggiori possibilità di trovare un impiego consono alle loro caratteristiche e questo va a beneficio anche del paese di destinazione», spiega Alessandra Casarico, professore associato di Scienza delle finanze e coordinatrice della Welfare state and taxation unit del Dondena research centre della Bocconi. «In un sistema ridistribuivo, i costi della regolarizzazione sono invece associati all’aumento della spesa per il welfare cui accedono lavoratori immigrati poco qualificati».

Gli autori hanno costruito un modello teorico basato su questi due canali e l’hanno testato su uno dei più importanti episodi di regolarizzazione della storia, il passaggio dell’Immigration Reform and Control Act negli Stati Uniti. Era il 1986 e grazie al voto del Congresso 2,8 milioni di individui ottennero il diritto alla residenza permanente nel paese. È emerso che i due canali individuati dal modello spiegano effettivamente il comportamento di voto. Nei distretti in cui il potenziale guadagno sul mercato del lavoro è maggiore e in cui il grado di ridistribuzione che si realizza è inferiore, è più probabile che il membro del Congresso voti a favori dell’Immigration act. «Nel modello si ipotizza che i politici agiscano per massimizzare il benessere del distretto che rappresentano. Future ricerche potrebbero prendere in considerazione altre forze che plasmano le politiche sull’immigrazione e la possibilità di interazioni strategiche fra i policy maker».

Per approfondire
Sotto il segno delle grandi migrazioni
I costi politici dell’emigrazione
Non informati, sanità a porte chiuse
Studenti stranieri a scuola: come rompere la segregazione educativa
Le contraddizioni dell’ordinamento europeo
Trasferirsi dal sud al nord fa migliorare il salario. Ma il reddito…

 

di Claudio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Perche' le aziende familiari sono piu' resilienti

    Alcune caratteristiche delle famiglie imprenditoriali amplificano le capacita' del top management team di assorbire e riprendersi dagli shock, secondo un'analisi di Bocconi, Unicredit e AIDAF  

  • Una mappa dell'attrattivita' degli investimenti nelle infrastrutture agroalimentari

    Uno studio a cura di Stefano Gatti, titolare della cattedra Antin Infrastructure Partners in Infrastructure Financing, traccia le tendenze di lungo periodo e mette a confronto le varie applicazioni in un settore sempre piu' importante  

Seminari

  Settembre 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Seminari

  • Enrico Diecidue: Timing and skewness of information revelation: evidence on information structures and compound lotteries

    ENRICO DIECIDUE - INSEAD

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen)

  • Stefano Rossi, Bocconi University: The Coherence Side of Rationality: Rules of Thumb, Narrow Bracketing, and Managerial Incoherence in Corporate Forecasts

    STEFANO ROSSI - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1