L'anti terrorismo che mette a rischio i valori di tutti
DIRITTO |

L'anti terrorismo che mette a rischio i valori di tutti

MESSE ALLE STRETTE DALL'ESIGENZA DI RISPONDERE AL TERRORISMO LE DEMOCRAZIE TENDONO A REAGIRE CON MISURE ILLIBERALI CHE FINISCONO PER TRADIREI PROPRI PRINCIPI, SPIEGA ARIANNA VEDASCHI IN UN SUO STUDIO

Messe di fronte al pericolo del terrorismo internazionale, le democrazie occidentali non rischiano di soccombere, ma di suicidarsi. Arianna Vedaschi ha dedicato buona parte della ricerca compiuta negli ultimi dieci anni a monitorare questo pericolo. «Ho studiato la reazione delle democrazie avanzate di tradizione liberale di fronte alla minaccia del terrorismo di matrice jihadista e mi sono focalizzata sulle counter-terrorism measures adottate da Stati Uniti, Gran Bretagna e dagli altri paesi dell’Ue, per verificarne la compatibilità con diritti umani e valori cardine della democrazia». È un percorso di ricerca declinato attraverso almeno tre filoni principali. Il primo riguarda gli omicidi mirati, in particolare il caso di Osama Bin Laden, e le consegne speciali a scopo di tortura. Nonostante gli sforzi della dottrina americana di costruire una teoria che le legittimi, spiega Vedaschi, si tratta di misure illegittime sia da una prospettiva di diritto internazionale, sia di diritto costituzionale interno. La seconda declinazione del tema ha a che vedere con le modifiche della normativa sulla privacy e sulla protezione dei dati personali in Europa.

«A fronte di interventi anche invasivi da parte dei governi, la Corte di giustizia europea è riuscita fino a oggi a trovare un equilibrio fra i diritti fondamentali e le pressanti esigenze di sicurezza nazionale». Il terzo filone, collegato al primo, studia il ricorso al segreto di stato. Una volta arrivati in giudizio davanti alle corti statunitensi e a quelle di alcuni paesi dell’Unione europea, i casi di extraordinary renditions sono stati dismessi a causa dell’opposizione del segreto di stato da parte dei governi coinvolti. Il ricorso al segreto è stato però ritenuto illegittimo dalla Corte di Strasburgo, che ha invece fatto appello a un inedito diritto alla verità, intesa non come verità solo processuale, ma collettiva, cioè a beneficio dell’opinione pubblica. «Il peggior rischio che le democrazie liberali mature corrono non è la sconfitta da parte del terrorismo internazionale. Anzi, hanno dimostrato di poter battere questo nemico sul campo di battaglia. Il rischio è piuttosto che uccidano se stesse, tradendo i principi che ne definiscono l’identità».

Per approfondire
La democrazia  tra rappresentanza e... like
La relazione tra antiterrorismo e campagna elettorale
Italia, Germania e Giappone: tre esempi per superare il totalitarismo
La via (costituzionale) alla democrazia illiberale
La sottile linea che separa pluralismo e populismo
Modificare il modello per rispondere ai cittadini
La democrazia a due livelli di imprese e startup innovative

 

di Claudio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • I fornitori di cure a lungo termine per gli anziani devono evolversi

    Presentato il 6 Rapporto Osservatorio Long Term Care promosso dal Cergas con Essity  

  • Postdoc Bocconi invitato a una conferenza di alto profilo

    Gianluigi Riva fara' parte di un gruppo di giovani scienziati che parteciperanno nel corso dell'anno a un incontro con alcuni premi Nobel  

Seminari

  Aprile 2024  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Seminari

  • Steven Callander: Experts & Experiments

    STEVEN CALLANDER - Stanford GSB

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen)

  • Actionable and Responsible AI in Medicine

    PIETRO LIO' - Univeersity of Cambridge

    Room AS03