Il long term care in Italia coinvolge dieci milioni di persone e raddoppiera'
SCIENZE POLITICHE |

Il long term care in Italia coinvolge dieci milioni di persone e raddoppiera'

FRANCESCO LONGO, FRANCESCO PETRACCA E GIANMARCO CINELLI DEL CERGAS STIMANO IN UNA RICERCA ANCORA IN CORSO I COSTI COLLEGATI ALLA MANCANZA DI UN SISTEMA UNIVERSALE E UNITARIO PER LA GESTIONE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

Nel 2050, a causa dell’invecchiamento della popolazione, in Italia ci saranno 5 milioni di persone non autosufficienti. Oggi sono 2,8 milioni, di cui 2,5 assistite a casa. Se è vero che ognuna di queste persone ne impegna altre tre, tra famigliari e badanti, 10 milioni di individui sono coinvolti nella long term care. A fronte di un problema di tali proporzioni, il settore pubblico offre un sostegno limitato. Il risultato, spiega Francesco Longo, professore di Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche e membro degli osservatori del Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale della Bocconi (Cergas), «è che in Italia abbiamo un milione di badanti, la categoria professionale più numerosa del paese, eppure siamo privi di una misura universalistica sul long term care». Le risorse ci sono, ma frammentate. L’Inps paga 15 miliardi all’anno di assegni di accompagnamento.

I comuni riservano 4 miliardi alla non autosufficienza, metà della loro spesa sociale. Il sistema sanitario spende 11 miliardi. Si può fare di meglio. Nell’ambito di una ricerca del Cergas tuttora in corso, Longo, con Francesco Petracca e Gianmario Cinelli, propone di assegnare la responsabilità del long term care a un nuovo soggetto giuridico, sul modello tedesco. «Abbiamo stimato i costi collegati alla mancanza di un sistema universale e unitario: i servizi legati alla non autosufficienza sottraggono risorse ad altri ambiti del welfare; il sistema è iniquo e favorisce i ricchi; i malati sono assistiti male, tant’è che le statistiche mostrano che in Italia gli anziani vivono più a lungo, ma peggio». I ricercatori hanno calcolato quante risorse sarebbero necessarie per istituire una misura come quella tedesca, oltre ai 30 miliardi spesi per la non autosufficienza da Inps, comuni e sanità. Si tratta di 10 miliardi di euro, che potrebbero essere raccolti attraverso contributi obbligatori dei lavoratori. «Quello del long term care in Italia è un wicked problem, troppo grosso perché qualcuno l’affronti. Cercasi policymaker coraggioso che lo metta in agenda e lo risolva. Può essere fatto nel giro di una legislatura».

Per approfondire
Buone notizie: invecchieremo
Come far convivere le generazioni sul lavoro e salvare le pensioni
Flessibilità in uscita: non la chiedono soltanto i lavoratori, ma anche le imprese
L'evoluzione demografica suggerisce che i tassi d'interesse aumenteranno
Perché  agli over 65 non piace l'offerta per anziani dei supermercati
 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • La Bocconi al centro del dibattito di analisi delle decisioni

    L' Advances in Decision Analysis Conference, che si terra' dal 19 al 21 giugno, comprende sessioni sulle decisioni in materia ambientale e sul crowd forecasting  

  • Governance delle aziende non quotate: l'apertura fa bene, e occorre accelerare il processo

    I risultati del primo Osservatorio sulla governance delle imprese non quotate mostra i benefici dell'apertura dei cda ai consiglieri indipendenti  

Seminari

  Giugno 2019  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Dimension reduction of the input parameter space for potentially vector-valued functions
    Statistica

    Clémentine Prieur (Université Grenoble Alpes)

    Sala riunioni 3.e4.sr03 ' Via Roentgen, 1

  • CONCETTI ELASTICI, CONCETTI INDETERMINATI, CLAUSOLE GENERALI E DISCIPLINA CONTRATTUALE
    Ciclo di seminari di diritto privato "Il contratto fra autonomia ed eteronomia"

    Stefano Troiano, Università di Verona

    Sala seminari 1.C3-01, primo piano, Via Roentgen 1