Le macchine sostituiscono anche impieghi creativi
MANAGEMENT |

Le macchine sostituiscono anche impieghi creativi

NEGLI USA ENTRO DIECI ANNI IL 47% DELLA FORZA LAVORO SARA' A RISCHIO, IN ITALIA ADDIRITTURA IL 56%, SPIEGA UN PAPER DI ALFREDO BIFFI. E NON SOLO NELL'ATTIVITA' FISICA DI ROUTINE

Per secoli, le tecnologie che hanno sollevato l’uomo dalla fatica del lavoro hanno contribuito a generare altro lavoro, a volte con un effetto-volano. «Da una decina d’anni a questa parte, però, le nuove tecnologie non riescono più a produrre questo effetto e le competenze create non compensano i posti di lavoro persi». Lo afferma Alfredo Biffi, professore affiliato di Information systems presso SDA Bocconi School of Management, autore di un paper sul tema di prossima pubblicazione e già presentato al convegno internazionale sulla quarta rivoluzione industriale tenutosi in marzo a Trento. Biffi ha anzitutto lavorato sulle percezioni. Dai colloqui con 750 manager, direttori del personale, neo laureati ed esperti della tematica, emerge che più dell’85% degli intervistati è consapevole di quel che sta accadendo e afferma che le macchine non sostituiscono più solo l’attività fisica di routine, ma erodono la parte più creativa del lavoro. Il 55% degli intervistati è convinto che lo sviluppo tecnologico non porterà maggiore felicità. I numeri proposti da alcune ricerche internazionali sono effettivamente impressionanti. Secondo i noti dati raccolti da Michael Osborne e Carl B. Frey dell’Università di Oxford relativamente a 700 diversi impieghi, entro dieci anni il 47% della forza lavoro americana sarà a rischio, un numero che sale al 56% per quanto riguarda l’Italia.

I ricercatori del McKinsey Global Institute affermano che almeno la metà dei lavori attuali sarà automatizzato entro l’anno 2050. «Anche i posti di lavoro che non spariranno dovranno essere ripensati», dice Biffi. «La domanda non è: lavoreremo o meno? La domanda è: come ci manterremo in un mondo a bassa intensità di lavoro? La rivoluzione tecnologica ci darà cinque, forse dieci o quindici anni per definire modelli di sviluppo economico diversi da quelli a cui siamo abituati. Una nota di speranza: in questo quadro, i giovani hanno l’opportunità di progettare il proprio lavoro purché investano sulle soft skill e sulla comprensione delle logiche di funzionamento delle macchine».

Per approfondire
Come sopravvivere al lavoro che cambia. Senza vincitori né vinti
Robot shock, gli effetti sulle elezioni
I millennials al lavoro e l'importanza di ricevere feedback
Anche il diritto del lavoro deve fare un tagliando
Cosi' diventa sexy anche il mestiere del bancario
L'ubriacatura da terziario avanzato in Europa
Un operations manager per rendere più fluida la sanità
Facile adottare una tecnologia, difficile riconvertire le competenze

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • Seicento economisti europei cercano lavoro a Napoli

    La European Economic Association, il 6 e 7 dicembre, organizza la prima edizione del job market europeo per i giovani economisti in cerca di un impiego in universita', banche centrali e istituzioni private  

  • Il futuro dell'energia e' Green

    E' nato in Bocconi un nuovo centro di ricerca che unira' le competenze di Certet e Iefe. A dirigerlo e' stato chiamato Marco Percoco  

Seminari

  Dicembre 2018  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Seminari      

Tutti i Seminari
  • The Analytic Theory of a Monetary Shock

    Fernando Alvarez (University of Chicago) Paper

    Sala Riunioni 5.e4.sr04 - Via Roentgen 1

  • Coordinated Equilibrium

    Jeffrey Ely (Northwestern University)

    Sala Riunioni 5.e4.sr04 - Via Roentgen 1