Prezzi da shock. Non solo in Kazakistan
MARKETING |

Prezzi da shock. Non solo in Kazakistan

UN PROGETTO DI COLICEV E ALTRI HA L'OBIETTIVO DI COMPRENDERE L'EVOLUZIONE DEI PREZZI AL CONSUMO IN PAESI SOTTOPOSTI A SHOCK MACROECONOMICI

Come reagiscono le catene di vendita al dettaglio poste di fronte a drammatiche fluttuazioni monetarie? La risposta è contenuta in un progetto tuttora in corso di Anatoli Colicev, assistant professor presso il Dipartimento di marketing della Bocconi, con Joep Konings (University of Liverpool Management School) e Joris Hoste (KU Leuven). Il loro working paper Currency Shocks in Emerging Markets: How Does Supplier and Consumer Demand Find Equilibrium è il primo frutto di un progetto di analisi di big data inaugurato studiando il caso del Kazakistan, dove nel 2015 il governo ha svalutato senza alcun annuncio il tenge del 30%, riducendone il valore su base annua di oltre il 50%. La svalutazione ha messo le catene di fronte a una scelta: scaricare lo shock monetario sui consumatori aumentando i prezzi o assorbirlo nel proprio margine per non perdere clienti? «Abbiamo raccolto oltre 30 milioni di dati sui beni acquistati quotidianamente nei punti vendita di una delle maggiori catene di supermercati del Kazakistan», spiega Colicev. «Abbiamo altresì raccolto informazioni sui prezzi praticati dai fornitori, perché la catena vende in tenge, ma acquista in varie valute, per lo più in dollari americani, euro e rubli».

Gli autori hanno scoperto che, al fine di testare la reazione dei consumatori, la catena ha adeguato frequentemente e a volte quotidianamente il prezzo di alcuni prodotti di prima necessità. Il prezzo di prodotti superflui non è stato invece ritoccato. Per molti altri beni, in assenza di conoscenze puntuali, la catena ha invece impiegato un approccio trial-and-error inefficiente. «La teoria economica sostiene che le imprese si comportano in modo razionale e adeguano correttamente i prezzi. Non sempre è così. Abbiamo anche osservato differenze in relazione all’ubicazione dei punti vendita: i più vicini ai confini hanno un maggiore potere contrattuale nei confronti dei fornitori».
Gli autori studieranno, ora, il comportamento della medesima catena in altri tre paesi: Turchia, Russia e Germania. L’obiettivo generale del progetto di ricerca, che si svilupperà in un arco di due anni e genererà vari paper, è la comprensione dell’evoluzione dei prezzi al consumo in paesi sottoposti a shock macroeconomici.

Per approfondire
La moneta in equilibrio tra presente, passato e futuro
Come pagheremo nel terzo millennio
Il caso dei Buoni per i migranti
Common, il mio nome è  Common
L'anonimato visto in un esperimento
Una, nessuna, 100 mila blockchain
Ico, partiamo dalla loro definizione
Il mobile wallet  si è fatto strada
I rischi della democrazia monetaria
Vuoi pagare il conto? A me gli occhi
La tech revolution dei pagamenti

 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • La Bocconi al centro del dibattito di analisi delle decisioni

    L' Advances in Decision Analysis Conference, che si terra' dal 19 al 21 giugno, comprende sessioni sulle decisioni in materia ambientale e sul crowd forecasting  

  • Governance delle aziende non quotate: l'apertura fa bene, e occorre accelerare il processo

    I risultati del primo Osservatorio sulla governance delle imprese non quotate mostra i benefici dell'apertura dei cda ai consiglieri indipendenti  

Seminari

  Giugno 2019  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Dimension reduction of the input parameter space for potentially vector-valued functions
    Statistica

    Clémentine Prieur (Université Grenoble Alpes)

    Sala riunioni 3.e4.sr03 ' Via Roentgen, 1

  • CONCETTI ELASTICI, CONCETTI INDETERMINATI, CLAUSOLE GENERALI E DISCIPLINA CONTRATTUALE
    Ciclo di seminari di diritto privato "Il contratto fra autonomia ed eteronomia"

    Stefano Troiano, Università di Verona

    Sala seminari 1.C3-01, primo piano, Via Roentgen 1