Una, nessuna, 100 mila blockchain

Una, nessuna, 100 mila blockchain

UN LIBRO E ALCUNI PAPER DI LEONARDO M. DE ROSSI SPIEGANO PERCHE' LE BLOCKCHAIN TENTINO, INUTILMENTE, DI IMITARE I BITCOIN

«Non ci serve una blockchain? E allora creiamo un problema che possa essere risolto con questa tecnologia». L’interesse che circonda la catena di blocchi su cui si basa la rete di Bitcoin è talmente forte da spingere le aziende a creare problemi ad hoc pur di usarla. Lo racconta Leonardo Maria De Rossi, responsabile del filone blockchain per DEVO Lab, laboratorio di ricerca di SDA Bocconi School of management che studia l’impatto delle tecnologie digitali a livello aziendale. Da tre anni, il laboratorio svolge ricerca continuativa sugli ambiti applicativi più interessanti della blockchain e sull’impatto su organizzazione e business delle aziende. Un tratto di questo cammino di ricerca è riassunto nel libro The Blockchain Journey. A Guide to Practical Business Applications (Egea) e in una serie di paper. «La maggior parte delle blockchain è un’imitazione di Bitcoin o un tentativo fallimentare di fargli la guerra», afferma De Rossi.
L’idea di base di blockchain è la sostituzione di un intermediario, nel caso di Bitcoin le banche, con un network distribuito. L’idea è stata applicata in altri ambiti. I network così creati hanno caratteristiche simili a quella della criptovaluta, ma salvano informazioni di altro tipo. «Sono però privi sia della massa critica di utenti attivi,i cosiddetti minatori, di Bitcoin, sia di una forte comunità di riferimento. Sono due mancanze fatali. Per le sue caratteristiche, più una blockchain è diffusa e più è sicura e preziosa».

Vi è poi il caso di attori tradizionali come banche e assicurazioni che hanno cercato di imitare Bitcoin creando un network analogo, ma chiuso e controllato. «Sono le cosiddette blockchain permissioned. Per utilizzarle, bisogna ottenere un’autorizzazione preventiva da parte di una autorità centrale. In questo caso, non c’è reale distribuzione e l’informazione è semplicemente replicata in vari nodi, una ridondanza inefficiente». Perché allora viene usata la tecnologia blockchain? Per due ragioni, secondo De Rossi. La prima è il clamore mediatico che la circonda; la seconda è il reale bisogno di digitalizzare e rendere più efficienti processi molto complessi, la maggior parte dei quali non ha però un reale bisogno della tecnologia di Bitcoin. Tant’è che, prevede De Rossi, «delle 2000 blockchain pubbliche esistenti ne resteranno una o due, al massimo tre».

Per approfondire
La moneta in equilibrio tra presente, passato e futuro
Come pagheremo nel terzo millennio
Il caso dei Buoni per i migranti
Common, il mio nome è  Common
L'anonimato visto in un esperimento
Prezzi da shock. Non solo in Kazakistan
Ico, partiamo dalla loro definizione
Il mobile wallet  si è fatto strada
I rischi della democrazia monetaria
Vuoi pagare il conto? A me gli occhi
La tech revolution dei pagamenti

 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • ScienzaNuova, anche la matematica si interroga sull'ontologia

    Al via la terza edizione del foro di ricerca e sperimentazione sui concetti fondamentali delle scienze odierne, in collaborazione con l'Accademia di Studi ItaloTedeschi e il contributo delle Fondazioni Cariplo e Sparkasse di Bolzano  

  • Fisica, matematica, computer science: le scienze fondamentali alla Bocconi

    In una trasmissione di Rai Tre Riccardo Zecchina, un fisico che insegna computer science, racconta la propria giornata di ricercatore e illustra il crescente interesse dell'Universita' per data science e intelligenza artificiale  

Seminari

  Luglio 2019  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Seminari      

Tutti i Seminari
  • TBD
    Statistica

    Veronika Rocková (Booth School of Business of the University of Chicago)

    Sala riunioni 3.e4.sr03 ' Via Roentgen, 1

  • tbc

    Isin Guler (University of North Carolina)

    Meeting room 4E4SR03 - Via Roentgen, 1