Le scelte degli altri rendono simili le organizzazioni
SCIENZE POLITICHE |

Le scelte degli altri rendono simili le organizzazioni

IL RUOLO E GLI EFFETTI DELLE SPINTE ISOMORFICHE SULL'EFFICIENZA E LA RAZIONALITA' DELLE SCELTE DEI SINGOLI IN UNA SERIE DI ESPERIMENTI VALENTINA MELE E PAOLO BELARDINELLI

Si immagini che un dirigente della pubblica amministrazione, nell’effettuare l’acquisto di un software per i dipendenti, si trovi di fronte all’evidenza che quel programma, pur essendo raccomandato da un’associazione di categoria, non rappresenta l’opzione ottimale. Che cosa farà? Conformerà la sua scelta a quella dei pari o sceglierà un’alternativa? È la domanda che si sono posti Valentina Mele e Paolo Belardinelli che hanno indagato le scelte dei manager della pubblica amministrazione attraverso otto esperimenti condotti con Nicola Bellè e Paola Cantarelli. “In letteratura esiste il concetto di isomorfismo, vale a dire il processo attraverso il quale le organizzazioni diventano simili fra di loro. Noi abbiamo indagato le fondamenta del fenomeno a livello individuale per scoprire se le spinte isomorfiche hanno effetti sull’efficienza e la razionalità delle scelte dei singoli”. Gli autori hanno messo 764 dipendenti e dirigenti pubblici di vari settori di fronte alla scelta fra coppie di corsi di aggiornamento e di software. Delle due opzioni, una era esplicitamente peggiore dell’altra, eppure caldeggiata da linee guida, colleghi esperti o associazioni di categoria. In assenza di questo tipo di pressione, dall’11% al 17% degli individui, a seconda dell’esperimento, ha scelto l’opzione peggiore.

Con le pressioni, la percentuale è salita fino a un massimo del 63%. “Un’indagine qualitativa ha chiarito che i funzionari non hanno compiuto scelte irrazionali. Hanno optato per l’opzione peggiore perché credono che essa risponda a bisogni specifici dei dipendenti o dell’organizzazione; perché hanno fiducia nelle istituzioni e nei colleghi che forniscono raccomandazioni; perché danno valore all’uniformità del settore pubblico”. L’effetto delle pressioni viene meno quando i manager non hanno di fronte informazioni preconfezionate, ma sono messi nella condizione di inferire autonomamente dai dati l’inferiorità dell’opzione caldeggiata. “Attenzione, però: le pressioni non causano necessariamente decisioni subottimali. L’isomorfismo va utilizzato con consapevolezza per promuovere scelte basate sull’evidenza dei fatti”.

Per approfondire
L'ingenua illusione della razionalità umana
La corruzione politica segna i giovani elettori per sempre
L'influenza degli altri nella scelta dell'università
Quando la rabbia fa danno a noi e agli altri
Tra pratica e grammatica, vince la riflessione
Prendere decisioni razionali fa bene alla performance
Come cambiano  gli assi dell'appartenenza politica
 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • I rapporti tra generazioni trasformati in un rischio

    L'Europa del Sud registra il piu' alto tasso al mondo di contatti tra over 60 e giovani in eta' scolare e cosi' un forte potenziale di contagio per una malattia sensibile all'eta' come il COVID19  

  • Perche' rispettiamo, o no, le regole di distanziamento sociale

    Pamela Giustinelli e una collega dell'UCL vogliono capire come la gente comune in Italia, Regno Unito e Stati Uniti percepisca i costi e i benefici del lockdown da COVID19  

Seminari

  Aprile 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Which scientific results can we trust? Evidence from replications and prediction markets
    Development Labor Political Economy - DLPE

    Anna Dreber (Stockholm School of Economics)

    Webinar

  • SEMINARIO ANNULLATO: Errore giudiziale e sistema di impugnazione
    Ciclo di seminari di Filosofia del diritto

    ATTN: IL SEMINARIO E' STATO ANNULLATO   Flavia Carbonell, Universidad de Chile

    Sala riunioni 1.C4-SR01, primo piano, Via Roentgen 1