Come cambiano  gli assi dell'appartenenza politica
ECONOMIA |

Come cambiano gli assi dell'appartenenza politica

LE CONNESSIONI TRA LAVORO, DISEGUAGLIANZE ECONOMICHE E POLITICA IN UNO STUDIO DI GUIDO TABELLINI E NICOLA GENNAIOLI

I processi di globalizzazione e automazione del lavoro hanno acuito le diseguaglianze economiche. Perché, allora, i perdenti di questi processi scelgono di votare un partito che propone la flat tax e non uno che promuove politiche redistributive? È il tipo di domanda a cui rispondono Nicola Gennaioli e Guido Tabellini in Identity, Beliefs and Political Conflict. “Gli shock economici hanno cambiato la natura del conflitto politico che ora si dispone lungo la frattura fra vincenti e perdenti di globalizzazione e automazione e non più secondo la dimensione tradizionale destra-sinistra”, spiega Tabellini. Rifacendosi alla letteratura di psicologia sociale, gli autori affermano che tale cambiamento è accompagnato da un mutamento nell’identità sociale degli elettori che non è data una volta per tutte, ma può muoversi lungo le dimensioni che definiscono l’individuo come occupazione, luogo di residenza, classe sociale, religione. “L’identificazione con un determinato gruppo sociale provoca un fenomeno di spersonalizzazione: l’individuo si vede come membro tipico di quel gruppo e non più come soggetto con una personalità individuale. Ne consegue una distorsione delle opinioni che vengono modellate dall’appartenenza al gruppo.

Da una parte, i beneficiari della globalizzazione, identificandosi con un gruppo istruito e urbano, sono portati a ingigantire le caratteristiche positive delle politiche cosmopolite. Dall’altra, chi si identifica con un partito nazionalista è spinto a esasperare il conflitto fra vincenti e perdenti della globalizzazione e ad attenuare il conflitto legato alla lotta di classe”. E così, la globalizzazione crea diseguaglianza, ma la polarizzazione fra nazionalisti e cosmopoliti attenua la richiesta di redistribuzione da parte di chi ne beneficerebbe. La correlazione fra varie dimensioni politiche fa sì che elettori che tradizionalmente si identificavano con gruppi di sinistra siano attratti dal nazionalismo perché soddisfa non solo la loro domanda di protezione, ma anche l’avversione a immigrazione ed estensione dei diritti civili. Sondaggi d’opinione fra elettori francesi e statunitensi hanno confermato la teoria. “Non si tratta di un fenomeno passeggero. I cambiamenti che l’hanno provocato non sono transitori, ma destinati ad accentuarsi”.

Per approfondire
L'ingenua illusione della razionalità umana
La corruzione politica segna i giovani elettori per sempre
L'influenza degli altri nella scelta dell'università
Quando la rabbia fa danno a noi e agli altri
Tra pratica e grammatica, vince la riflessione
Le scelte degli altri rendono simili le organizzazioni
Prendere decisioni razionali fa bene alla performance


 
 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • I rapporti tra generazioni trasformati in un rischio

    L'Europa del Sud registra il piu' alto tasso al mondo di contatti tra over 60 e giovani in eta' scolare e cosi' un forte potenziale di contagio per una malattia sensibile all'eta' come il COVID19  

  • Perche' rispettiamo, o no, le regole di distanziamento sociale

    Pamela Giustinelli e una collega dell'UCL vogliono capire come la gente comune in Italia, Regno Unito e Stati Uniti percepisca i costi e i benefici del lockdown da COVID19  

Seminari

  Aprile 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Which scientific results can we trust? Evidence from replications and prediction markets
    Development Labor Political Economy - DLPE

    Anna Dreber (Stockholm School of Economics)

    Webinar

  • SEMINARIO ANNULLATO: Errore giudiziale e sistema di impugnazione
    Ciclo di seminari di Filosofia del diritto

    ATTN: IL SEMINARIO E' STATO ANNULLATO   Flavia Carbonell, Universidad de Chile

    Sala riunioni 1.C4-SR01, primo piano, Via Roentgen 1