Oltre l'economia: le conseguenze sociali e politiche della deindustrializzazione
PERSONE |

Oltre l'economia: le conseguenze sociali e politiche della deindustrializzazione

UN PROGETTO DI RICERCA IN SOCIOLOGIA POLITICA DI ANNE MARIE JEANNET HA OTTENUTO UN ERC STARTING GRANT. STUDIERA' GLI EFFETTI DELLA DEINDUSTRIALIZZAZIONE SULLA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN ARCO DI TEMPO CHE VA DAL 1965 AL 2015

La deindustrializzazione ha un prezzo. Diversi prezzi, in realtà. Non è solo una questione di PIL e non impatta solo sulla vita di chi perde il lavoro. «Colpisce gli individui, le famiglie e le comunità ed è probabile che abbia plasmato la socializzazione politica dei giovani che vivono nelle aree in fase di deindustrializzazione», dice Anne-Marie Jeannet, la research fellow che ha ottenuto un ERC Starting Grant dall’European Research Council per DESPO (Deindustrializing Societies and the Political Consequences), un progetto di ricerca in sociologia politica, «eppure, solo l'aspetto economico è stato studiato a fondo».
 
«Mentre la letteratura accademica è ricca di analisi economiche della deindustrializzazione degli ultimi anni, il mio progetto di ricerca la studia in una visione multidimensionale e di lungo periodo», dice Jeannet. «Studierò un arco temporale che va dal 1965 al 2015 in Germania, Regno Unito e Stati Uniti, utilizzando sia dati delle anagrafi delle imprese che microdati longitudinali che permetteranno l'osservazione degli individui e delle famiglie a livello locale».
 
I risultati preliminari di uno studio pilota attualmente in corso suggeriscono un'alternativa alla narrazione prevalente, che vede la crescita del populismo come effetto dello sviluppo di una classe di lavoratori danneggiati dal processo di globalizzazione. «In primo luogo», spiega Jeannet, «deindustrializzazione e globalizzazione non sono le stesse: la prima precede la seconda. In secondo luogo, la principale conseguenza della deindustrializzazione sembra essere una riduzione della soddisfazione per la democrazia e l’abbandono della vita politica, non necessariamente lo sviluppo di un’inclinazione populista. E il tutto ha senso: dal momento che l'industrializzazione e la partecipazione democratica sono storicamente andate di pari passo, un declino dell’industria ha riconfigurato il modo in cui i cittadini vedono e partecipano al loro sistema politico».

di Fabio Todesco

News

Tutte le News
  • Fisica quantistica e fisica statistica del machine learning si danno appuntamento in Bocconi

    Nei primi giorni della prossima settimana l'Universita' ospitera' virtualmente i 300 partecipanti dell'ELLIS Workshop on Quantum and Physics Based Machine Learning  

  • Due generazioni di statistici bayesiani in una serie di webinar del Bocconi BayesLab

    L'unita' di ricerca sulla statistica bayesiana della Bocconi ospitera' una serie di webinar in cui giovani ricercatori di spicco avranno l'opportunita' di presentare il loro lavoro e di discuterlo con studiosi di alto livello  

Seminari

  Luglio 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Seminari      

Tutti i Seminari
  • to be defined

    Omiros Papaspiliopoulos  (Universitat Pompeu Fabra) 

    Webinar

  • Il regolamento europeo sui prospetti informativi
    Diritto commerciale

    Saluto introduttivo Piergaetano Marchetti, Università Bocconi   Coordina Giovanni Strampelli, Università Bocconi   Introduzione Guido Ferrarini, Università di Genova   Speakers Danny Busch, Radboud University, Nijmegen;   Antonella Sciarrone Alibrandi, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano;   Paolo Giudici, Libera Università di Bolzano;   Michele Siri, Università di Genova   Conclusioni Marco Ventoruzzo, Università Bocconi

    Webinar