L'importanza di un servizio sanitario nazionale forte
NEWS |

L'importanza di un servizio sanitario nazionale forte

EDUARDO MISSONI E UN TEAM DI ALUMNI HANNO STUDIATO COME I SISTEMI SANITARI HANNO AFFRONTATO L'EMERGENZA COVID

Eduardo Missoni, professore di Global Health and Development presso la SDA Bocconi e fellow del COVID Crisis Lab, ha condotto una serie di 10 studi qualitativi che hanno analizzato diversi aspetti di come i sistemi sanitari hanno affrontato l'emergenza COVID-19 con un team di suoi alumni ora all'associazione Saluteglobale.it.
 
Le pubblicazioni sono il risultato della collaborazione multidisciplinare di ex studenti di tre diverse Università: Bocconi, Università degli Studi di Brescia (Facoltà di Medicina e Chirurgia) e Università Milano-Bicocca (Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale).  Molti dei progetti affrontano il tema dell'assistenza sanitaria universale durante l'epidemia, concentrandosi sull'Italia, come “The Italian health system facing the COVID-19 challenge” (Lancet) e “COVID-19: Universal Health Coverage now more than ever” (Journal of Global Health).
 
“Da parte italiana, abbiamo voluto condividere a livello internazionale come l'epidemia abbia messo in luce alcune debolezze di un sistema considerato uno dei migliori al mondo”, ha detto Missoni. “Quello che dovremmo imparare da COVID-19 è l'importanza di un indirizzo centrale per il servizio sanitario nazionale. Abbiamo scoperto che i sistemi sanitari in generale si trovano in difficoltà quando hanno un basso livello di assistenza primaria (team di medicina di comunità e medici di base) e subiscono le conseguenze dei tagli alle risorse finanziarie e umane e delle privatizzazioni”. Anche la frammentazione e la regionalizzazione sono un problema, perché creano problemi di approvvigionamento e confusione sulle regole, soprattutto durante le emergenze.
 
Le regioni italiane hanno spesso seguito strade diverse e hanno avuto risultati diversi. Lo studio “So close yet so distant: evidence from Lombardy and Veneto to plan COVID-19 recovery strategy” (in Archives of Community Medicine and Public Health) mette a confronto gli approcci di due diversi modelli di screening. La Regione Lombardia si è concentrata principalmente sui test ai casi sintomatici e ha investito meno nell'assistenza territoriale, mentre il Veneto ha praticato tamponi a una popolazione ampia, compresi i casi asintomatici e paucisintomatici. Il modello veneto si è dimostrato più efficace.

di Jennifer Clark

Persone

Tutte le Persone
  • A Marta Cartabia il Premio Bellisario per le Istituzioni

    La professoressa di Diritto Costituzionale e' stata premiata per l'equilibrio e la competenza che le hanno meritato la presidenza della Consulta  

  • Un progetto di Eliana La Ferrara contro l'Infibulazione finanziato da USAID

    L'agenzia americana per lo sviluppo ha concesso un grant a un'idea semplice e a basso costo per ridurre i tassi di mutilazione genitale femminile in Africa  

Seminari

  Novembre 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Marital Property Regimes and Investments: Evidence from Spain
    PhD JM Practice Talk - Applied Microeconomics

    Blanka Imre, Bocconi University

    Webinar

  • Gender Equality

    Introduction: Paola Profeta, Università Bocconi Keynote Speaker: Matthias Doepke, Northwestern University Winners of the Unicredit Foundation Best Paper Award on Gender Economics: Silvia Griselda University of Melbourne Lingwei Wu, University of Bonn Xinyu Fan, Cheung Kong Graduate School of Business (CKGSB) Conclusions: Laura Penna, UniCredit

    Online Conference