I tre ingredienti della customer science
NEWS |

I tre ingredienti della customer science

MARKETING, DATA SCIENCE E MACHINE LEARNING CI PERMETTONO DI CAPIRE MEGLIO IL CLIENTE, SECONDO GAIA RUBERA, AMPLIFON CHAIR IN CUSTOMER SCIENCE ALLA BOCCONI

L’espressione “customer science” può sembrare ingannevolmente semplice. Da un lato, si può pensare che sia solo un modo trendy per dire marketing, dall’altro che qualsiasi osservazione del comportamento dei clienti possa essere considerata customer science. Le cose non sono solo più complesse, come spesso accade, ma anche più interessanti, secondo Gaia Rubera, Amplifon Chair in Customer Science alla Bocconi.

 
“La customer science”, dice in un video, “è la fusione di tre ingredienti: il marketing, che è la comprensione del cliente, i dati, auspicabilmente Big Data, e il machine learning. L'obiettivo è prima di tutto identificare, misurare e capire sistematicamente i fenomeni chiave del cliente, per esempio la customer experience nel punto vendita”.
 
Gli studiosi di customer science hanno bisogno di raccogliere sistematicamente i dati su ogni transazione tra ogni cliente e l'azienda. Poi, possono passare a studiare le relazioni tra i fenomeni, al fine di di identificarne le relazioni causali.
 
"Per fare questo", dice Rubera, “abbiamo bisogno di una teoria di marketing, che possiamo testare con i dati e i modelli di machine learning”.
 
Il nuovo arrivato tra gli strumenti della customer science è l'audio analytics, cioè lo studio dei dati audio. Negli ultimi anni, c'è stata un'esplosione di ricerche sui dati testuali e di immagine, a causa della loro disponibilità nei post dei social media, ma l'attenzione ai dati audio è ora in aumento.
 
“In questo momento, la principale fonte di dati audio sono le registrazioni dei call center”, dice Rubera. “Vorremmo analizzare queste registrazioni, e vedere se possiamo identificare alcune caratteristiche audio, per esempio l’emotività espressa nella voce del cliente, o quanto velocemente l'operatore e il cliente parlano, il volume della voce, e se queste caratteristiche audio possono essere collegati a un certo risultato specifico, come la soddisfazione del cliente per la chiamata o, ancora più importante, la prosecuzione della relazione tra il cliente e l'azienda.”

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

Persone

  • Universita' Bocconi: Francesco Billari nominato Rettore per il biennio 2022/2024

    Attualmente Prorettore vicario e Dean per la faculty, entrera' in carica il primo novembre, a conclusione dei 6 anni di mandato di Gianmario Verona. La nomina oggi da parte del CdA dell'ateneo, su proposta del Presidente Mario Monti  

  • Un nuovo corso per un importante progetto di ricerca di scienze sociali sulle nostre vite

    Francesco Billari e' il rappresentante dell'Italia in un consorzio che monitora le tendenze demografiche a lungo termine in Europa, recentemente finanziato con una sovvenzione di Horizon Europe.  

Seminari

  Giugno 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Seminari

  • TBD

    ERIN LYN MCDONNELL

    Room 3b3sr01 - Roentgen 1

  • Seminar by Felix Liebrich

    FELIX LIEBRICH - Leibniz Universit├Ąt Hannover

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen) / Zoom