Andrea Colli racconta l'economia degli Sposi Promessi
PERSONE |

Andrea Colli racconta l'economia degli Sposi Promessi

NELL'AMBITO DI UN PROGETTO DI PICCOLO TEATRO E INTESA SANPAOLO, LO STORICO SPIEGA IL CONTESTO IN CUI E' AMBIENTATA LA PRIMA STESURA DEI PROMESSI SPOSI DI ALESSANDRO MANZONI

Baggiano è l’appellativo, secondo Alessandro Manzoni, con cui i Bergamaschi chiamavano gli abitanti dello Stato di Milano nel Seicento. Dietro questo curioso soprannome, si nasconde la realtà economica italiana dell’epoca, che viene spiegata da Andrea Colli, storico economico e direttore del Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche della Bocconi, in un video approfondimento parte del progetto Gli Sposi Promessi, realizzato dal Piccolo Teatro di Milano in collaborazione con Intesa Sanpaolo.
 

 
Il progetto, che comprende una lettura integrale della versione originale in podcast e una serie di approfondimenti tematici in video, è stato ideato in occasione del bicentenario dall’inizio della stesura dei Promessi Sposi. Infatti, nel 1821 inizia la prima stesura dell’opera, che si intitolava ancora Gli Sposi Promessi, mentre i protagonisti, Renzo e Lucia, si chiamavano Fermo e Lucia.
 
Andrea Colli spiega che nel 1821 la Lombardia soffre una marginalità, sotto il profilo economico, sociale e di centralità culturale, le cui radici vanno rintracciate a inizio Seicento. Quelli degli Sposi Promessi sono infatti anni decisivi, in cui si compie una trasformazione radicale che culminerà nella marginalizzazione di quella che era stata una delle aree centrali dell’Europa rinascimentale.
 
In questo contesto, è ambientato l’opera del Manzoni, ambientata nel Ducato di Milano, ma che è lo specchio di ciò che accade in Italia. L’Italia aveva raggiunto un livello di sofisticazione nel settore manifatturiero grazie alla presenza di una struttura corporativa che selezionava le competenze lavorative, ma nello stesso tempo uccideva potenzialità innovative. Infatti, intorno al 1630 questa posizione di primato si è trasformata in marginalità a causa della concorrenza aggressiva delle manifatture dell’Europa settentrionale (Francia, Inghilterra, Olanda e Germania), che producevano a costi più bassi e senza irrigidimenti corporativi.
 

di Weiwei Chen
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Grazie all'economia circolare, tra quattro anni i bus elettrici converranno anche economicamente

    Uno studio del GREEN Bocconi con la collaborazione di ENEL Foundation rivisita i calcoli di convenienza, tenendo conto dei ricavi possibili grazie al collegamento delle batterie alla rete elettrica e alla loro seconda vita  

  • Due decenni di storia della Banca Centrale Europea

    Simone Boldrini, Visiting Student dell'IGIER, racconta di un seminario di Massimo Rostagno (BCE), coautore di Monetary Policy in Times of Crisis  

Seminari

  Novembre 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Seminari

  • Non-Stationary Search and Assortative Matching: TU and NTU
    Applied Microeconomics

    Nicolas Bonneton (University of Mannheim)

    Room AS02, Via Roentgen 1 (floor -2)

  • Gender Equality
    Hybrid Event

    Welcome Addresses: Catherine De Vries, Bocconi University - Joanna Carss, UniCredit Foundation; Introduction: Paola Profeta, Bocconi University; Keynote Lecture: Nava Ashraf, London School of Economics and Political Sciences; Winners of the 2021 Best Pepar award in "Gender Economics" UniCredit Foundation: Giannantonio De Roni, UniCredit-Alexia Delfino, Bocconi University-Francesca Truffa, Northwestern University; Discussion: Massimo Anelli, Bocconi University-Francesco D'Amuri, Bank of Italy   In collaboration with UniCredit Foundation   per informazioni: franca.assirelli@unibocconi.it  

    Aula Magna-Via Gobbi 5