Perche' gli apprendisti non sono i benvenuti nei settori ad alte competenze
MANAGEMENT |

Perche' gli apprendisti non sono i benvenuti nei settori ad alte competenze

UNO STUDIO DI MIGUEL ESPINOSA DOCUMENTA CHE LE IMPRESE DEI SETTORI CHE RICHIEDONO ALTA QUALIFICAZIONE TENDONO AD EVITARE DI FORMARE APPRENDISTI, MENTRE LE IMPRESE DEI SETTORI A BASSA QUALIFICAZIONE LI CERCANO. I COSTI DI FORMAZIONE SONO LA CHIAVE DEL LORO COMPORTAMENTO

I programmi di apprendistato portano sostanziali benefici agli apprendisti, alle aziende e alla produzione aggregata, ma la loro progettazione dovrebbe prendere in attenta considerazione i costi di formazione affrontati dalle aziende con caratteristiche diverse (cioè i requisiti di competenza dei lavoratori) se si vogliono evitare distorsioni del mercato.
 
In un articolo di prossima pubblicazione su Econometrica, Miguel Espinosa, Assistant Professor presso il Dipartimento di Management e Tecnologia della Bocconi, e i coautori Santiago Caicedo (Clemson University) e Arthur Seibold (Università di Mannheim) osservano che imprese con caratteristiche diverse rispondono in modo diverso alla regolamentazione dell'apprendistato in Colombia.
 
Infografica di Weiwei Chen

Gli autori analizzano un cambiamento su larga scala nella regolamentazione dell'apprendistato in Colombia, introdotto nel 2003.
 
Nei primi anni 2000, la Colombia sperimentava alti livelli di lavoro informale e disoccupazione giovanile: Il tasso di informalità nel 2002 era del 62% in generale e saliva al 70% per i giovani dai 18 ai 24 anni, e il tasso di disoccupazione giovanile era superiore al 30%. Pertanto, nel 2003 è stata introdotta una riforma del mercato per espandere la formazione degli apprendisti, stabilendo diverse quote di apprendisti a seconda del numero di lavoratori a tempo pieno in un'azienda e abbassando il salario minimo degli apprendisti. Le imprese dovevano anche pagare una penale se non assumevano il minimo di apprendisti richiesto.
 
La riforma si è rivelata efficace nell'aumentare il numero di apprendisti a più di quindici volte i livelli pre-riforma, permettendo a molti più giovani di ricevere una formazione nel mercato del lavoro formale. Tuttavia, sono state registrate forti differenze di risposta tra i settori e le dimensioni delle imprese.
 
Le imprese dei settori ad alta qualificazione hanno ridotto il numero di lavoratori regolari per aggirare la quota minima di apprendisti che si sarebbe applicata oltre certe soglie. Le aziende dei settori a bassa qualificazione, d'altra parte, hanno aumentato il numero di lavoratori per aumentare la loro quota massima di apprendisti, in modo da poter formare e impiegare più apprendisti a basso costo. Spesso, le imprese del settore ad alte competenze hanno scelto di pagare la multa piuttosto che formare apprendisti.

Gli studiosi hanno osservato che le aziende dei settori ad alta specializzazione devono affrontare costi elevati per la formazione degli apprendisti, e questo limita la loro disponibilità a formarli. Mentre il numero complessivo di apprendisti è aumentato nettamente, la maggior parte della formazione è avvenuta in aziende del settore a bassa qualifica.

“Anche se il beneficio complessivo è chiaro, il regolamento sull'apprendistato crea anche dei perdenti”, nota Espinosa. “Gli incumbent, i lavoratori formati, possono avere più difficoltà a trovare un lavoro, dato che possono essere facilmente sostituiti da apprendisti meno costosi”.
 
Dati gli alti costi di formazione che molte aziende devono affrontare, interventi politici come i sussidi alla formazione dovrebbero fornire incentivi considerevoli alle aziende per ottenere risultati evidenti. “Politiche che tengano conto dell'eterogeneità dei costi di formazione, come i salari minimi degli apprendisti specifici per settore”, conclude Espinosa, “possono fornire ulteriori benefici”.
 
Santiago Caicedo, Miguel Espinosa, Arthur Seibold, “Unwilling to Train? Firm Responses to the Colombian Apprenticeship Regulation.” Econometrica, Forthcoming Papers.

di Jenny Mao
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Grazie all'economia circolare, tra quattro anni i bus elettrici converranno anche economicamente

    Uno studio del GREEN Bocconi con la collaborazione di ENEL Foundation rivisita i calcoli di convenienza, tenendo conto dei ricavi possibili grazie al collegamento delle batterie alla rete elettrica e alla loro seconda vita  

  • Due decenni di storia della Banca Centrale Europea

    Simone Boldrini, Visiting Student dell'IGIER, racconta di un seminario di Massimo Rostagno (BCE), coautore di Monetary Policy in Times of Crisis  

Seminari

  Novembre 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Seminari

  • Non-Stationary Search and Assortative Matching: TU and NTU
    Applied Microeconomics

    Nicolas Bonneton (University of Mannheim)

    Room AS02, Via Roentgen 1 (floor -2)

  • Gender Equality
    Hybrid Event

    Welcome Addresses: Catherine De Vries, Bocconi University - Joanna Carss, UniCredit Foundation; Introduction: Paola Profeta, Bocconi University; Keynote Lecture: Nava Ashraf, London School of Economics and Political Sciences; Winners of the 2021 Best Pepar award in "Gender Economics" UniCredit Foundation: Giannantonio De Roni, UniCredit-Alexia Delfino, Bocconi University-Francesca Truffa, Northwestern University; Discussion: Massimo Anelli, Bocconi University-Francesco D'Amuri, Bank of Italy   In collaboration with UniCredit Foundation   per informazioni: franca.assirelli@unibocconi.it  

    Aula Magna-Via Gobbi 5