La coesione Ue si rafforza anche grazie al principio di solidarieta' sanitaria
NEWS |

La coesione Ue si rafforza anche grazie al principio di solidarieta' sanitaria

SECONDO UN PAPER DI PAOLA MARIANI, IL PRINCIPIO DI SOLIDARIETA' SANITARIA DOVREBBE ESSERE ACCOLTO E SVILUPPATO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Se e fino a che punto una situazione di emergenza consente agli Stati membri dell’Unione europea di restringere, di propria iniziativa, le esportazioni non solo verso paesi terzi ma anche e soprattutto verso altri membri della UE? La domanda è più concreta e attuale di quello che si crede, visto che perdura l’incognita delle varianti da COVID-19.
 
Già durante la prima fase della pandemia, Italia e Spagna per prime hanno affrontato una carenza di dispositivi di protezione individuale (DPI) mentre Francia e Germania avevano disposto il blocco del loro export. Limitazioni sono state adottate anche alle esportazioni verso paesi extra UE. In quest’ultimo caso, però, il diritto vuole che sia l’Unione Europea a decidere regole e modalità d’implementazione della restrizione. Invece, nel caso del commercio intracomunitario, ogni Stato membro avvalendosi delle deroghe ammesse dal Trattato, in situazioni di emergenza sanitaria, può adottare in modo autonomo restrizioni all’export, con il rischio di azioni unilaterali e non coordinate in un mercato ormai integrato.
 
Ecco perché il paper The EU Market in Times of a Global State of Emergency: Internal and External Trade Barriers in the Age of Pandemics di Paola Mariani, professoressa associata di diritto internazionale dell’Università Bocconi, suggerisce che dovrebbero essere posti sotto il controllo e il coordinamento UE anche le restrizioni agli scambi tra paesi membri in situazioni di emergenze, applicando il principio di solidarietà sanitaria.

Infatti, sempre secondo il paper basato su uno studio comparativo della disciplina comunitaria e delle norme dei singoli Stati (UE ed extra UE), pubblicato sulla rivista Legal Issues of Economic Integration, va riconsiderata l’interpretazione consolidata che la salute sia solo responsabilità dei paesi membri. Da accogliere e sviluppare invece è il principio di solidarietà sanitaria che superi le prerogative delle singole nazioni.
 
“L’Unione europea ha una visione più ampia e organica del singolo Stato membro sia per quanto riguarda l’equa distribuzione dei dpi sia, tra l’altro, dei vaccini”, spiega Mariani. “Inoltre, ogni volta che si decidono restrizioni alle esportazioni, si corre il rischio di subire ritorsioni commerciali. E la produzione di dpi, farmaci e vaccini avviene attraverso supply chain localizzate in diversi Stati, intra ed extra UE”. Quindi, non potendo escludere a priori nuove situazioni di emergenza da coronavirus, diventa una questione centrale, secondo Mariani, quella di rivalutare l’impostazione UE sulle deroghe alla libera circolazione delle merci in situazioni di emergenza sanitaria, negli scambi intra-comunitari.
 

di Camillo Papini
Bocconi Knowledge newsletter

Persone

  • Le soft skill non hanno genere nei motori di ricerca di lavoro

    Silvia Pedersoli, ricercatrice di CLEAN, e' la creatrice del miglior poster al workshop The Debugging (In)equality in Data Science presso LSE  

  • Mixite', luci a San Siro

    Melissa Miedico guida l'intervento della Bocconi in un progetto per migliorare l'educazione ai diritti in un quartiere problematico di Milano  

Seminari

  Maggio 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Seminari

  • Nicolas Serrano-Velarde, Committing to Grow: Privatizations and Firm Dynamics in East Germany

    NICOLAS ANDRE BENIGNO SERRANO-VELARDE - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1

  • Discovering Hidden Stars: The Garfield Effect in Science (joined with Sebastian Hager & Fabian Waldinger)
    Applied Microeconomics

    CARLO RASMUS SCHWARZ - Università Bocconi

    Room 5-e4-sr04, Via Roentgen 1 (floor 5)