Il gender gap si fa sentire anche nella P.A.
SCIENZE POLITICHE |

Il gender gap si fa sentire anche nella P.A.

LE DONNE COSTITUISCONO LA MAGGIORANZA TRA GLI IMPIEGATI PUBBLICI, MA UNA MINORANZA DEI DIRIGENTI, SECONDO UNO STUDIO DI RAFFAELLA SAPORITO, SILVIA ROTA ED ELISABETTA TRINCHERO

A differenza del settore privato, le donne impiegate nella pubblica amministrazione sono la maggioranza, più precisamente il 56% del totale degli impiegati in Italia. Tuttavia, anche in queste aree, le donne sono ancora sottorappresentate nei ruoli dirigenziali.
 
Raffaella Saporito, Silvia Rota ed Elisabetta Trinchero, professoresse della SDA Bocconi School of Management, in un dossier pubblicato su Economia&Management, “Donne e PA un caso di successo a metà”, analizzano la presenza delle donne nel pubblico impiego e in particolare i fattori che facilitano o impediscono alle donne di fare carriera nel settore pubblico.
 
Secondo alcune statistiche, nelle amministrazioni centrali della pubblica amministrazione italiana, dove la dirigenza si articola in prima (più alta) e seconda fascia, la quota di donne è rispettivamente del 38% e 46% e cala perciò di otto punti percentuali quando si passa alla fascia più alta. Nelle altre pubbliche amministrazioni, dove si attribuiscono incarichi di direzione generale a chi guida l’intero ente, le percentuali di donne sono ancora più basse e la distanza tra direzione generale e dirigenza è di 9 punti percentuali. 
 
La quota di donne per livello di inquadramento


Questa gender gap nei ruoli dirigenziali della PA, pone un problema di equità su vari aspetti. Da un lato, l’equità interna, cioè indica che non si è ancora giunti a un equilibrio dell’inclusione e della diversità all’interno degli enti. Dall’altra, l’equità esterna: scarseggiano leader femminili che contribuiscano a portare visioni e istanze complementari a quelle maschili, su temi cruciali come per esempio l’istruzione e l’inclusione, la salute e l’etica pubblica. È perciò fondamentale ridurre il divario di genere.
 
Secondo l’indagine di SDA Bocconi, il problema ha radici culturali, poiché dallo studio risulta che il pregiudizio è il nemico principale della carriera delle donne. Il pregiudizio non è solo degli uomini verso le donne, ma anche dalle altre donne, che hanno poca fiducia nelle potenzialità di altre donne.
 
Nonostante il problema sia culturale, gli interventi per ridurre il gender gap nei ruoli dirigenziali dovrebbero essere di varia natura. Una misura suggerita da Saporito, Rota e Trinchero riguarda il disegno dei sistemi di accesso alla dirigenza, che dovrebbero essere orientati di più alla valutazione delle reali capacità messe in campo dai candidati e dalle candidate, rivedendo dunque il sistema dei concorsi per non penalizzare coloro che fuori dall’orario di lavoro svolgono anche compiti di cura familiare. Anche grazie al PNRR e alla riforma della PA ci si sta muovendo proprio in questa direzione.
 

di Weiwei Chen
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Un nuovo episodio del podcast Bocconi sulla cybersecurity

    Si parla del significato di cyberwar e di quali minacce corrono le diverse regioni del mondo  

  • Economia di guerra in Ucraina

    L'IGIER visiting student Daniel Nicolae Paraschiv racconta un seminario con Tymofiy Mylovanov, Yuriy Gorodnichenko, Pierre Olivier Gourinchas e Tito Boeri  

Seminari

  Febbraio 2023  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          

Seminari

  • MOLTE RIFORME PER NULLA? TRA STORIA RECENTE E PNRR
    Business law

    MARCO VENTORUZZO - Università Bocconi
    PIERGAETANO MARCHETTI - Università Bocconi
    STEFANIA BARIATTI - Universita' degli Studi di Milano
    RENATO LOIERO - Consigliere economico del Presidente del Consiglio dei Ministri
    MARCO LEONARDI - Universita' degli Studi di Milano

    Room 13 Via Sarfatti, 25

  • Martino Banchio: Adaptive Algorithms and Collusion via Coupling

    MARTINO BANCHIO - Stanford

    Alberto Alesina Seminar Room 5.e4.sr04, floor 5, Via Roentgen 1