Il professore afgano che trova un posto nel mondo aiutando il suo popolo
DIRITTO |

Il professore afgano che trova un posto nel mondo aiutando il suo popolo

HAROUN RAHIMI, VISITING PROFESSOR AL DIPARTIMENTO DI STUDI GIURIDICI DELLA BOCCONI, SI IMPEGNA IN DISCUSSIONI PUBBLICHE SULL'IDEOLOGIA TALEBANA E CERCA DI RESTITUIRE UN'ECONOMIA FUNZIONANTE A 40 MILIONI DI PERSONE CHE RISCHIANO LA FAME

Tra le vittime della guerra in Ucraina, potrebbe esserci la libertà del popolo afghano, secondo Haroun Rahimi, Assistant Professor of Law all’American University of Afghanistan, Kabul, che attualmente ricopre il ruolo di Visiting Professor al Dipartimento di Studi Giuridici della Bocconi. “Come scienziato, non posso dire con certezza che ci sia causalità, ma una correlazione è visibile: dall'attacco russo all'Ucraina, i Talebani al potere hanno imposto misure più restrittive, e si potrebbe sostenere che apprezzano che il mondo sia occupato altrove.” Esempi sono le nuove restrizioni sulla lunghezza della barba per i dipendenti pubblici e la revoca della decisione di riaprire le scuole superiori alle ragazze. AGGIORNAMENTO. una decina di giorni dopo la pubblicazione, il ministero talebano per la prevenzione del vizio e la promozione della virtù h pubblicato un decreto che impone alle donne l'utilizzo del burqa.
 
Quando i Talebani presero il controllo di Kabul, il 15 agosto 2021, Rahimi stava tornando a casa dal Regno Unito, dove era stato Visiting Research Fellow al Centro di Studi Islamici di Oxford. “Il COVID sembrava diminuire, e la mia università stava riprendendo le lezioni in presenza,” ricorda. L’aeroporto di Kabul, però, divenne immediatamente inutilizzabile, e Rahimi rimase bloccato a Istanbul con un visto temporaneo e “nessun posto al mondo dove andare.” Lo stesso giorno in cui il suo visto stava per scadere, riuscì a ottenere una borsa di studio presso l'Istituto Internazionale per l'Unificazione del Diritto Privato (UNIDROIT) a Roma e, successivamente, il posto di Visiting Professor al Dipartimento di Studi Giuridici della Bocconi, “per il quale ringrazio i professori Catherine Rogers e Marco Ventoruzzo e l'intera faculty.”

Il diritto nel mondo musulmano
 
La principale area di competenza di Rahimi è il diritto commerciale internazionale, ma come studioso delle divergenti concezioni dello stato di diritto nel pensiero musulmano e moderno, Rahimi è stato spesso critico dell’ideologia talebana e il suo ritorno in Afghanistan non è consigliabile in questo momento. “Studio come i paesi musulmani nel corso della storia abbiano adottato le legislazioni moderne come parte delle loro leggi e come questo trapianto giuridico sia stato legittimato. Ho scritto pubblicamente su questi argomenti, cercando di contrastare e chiarire alcune affermazioni dei talebani riguardo alla legge e allo Stato.” A questo scopo, può usare Twitter, che non è limitato in Afghanistan, e il sito web in lingua inglese di Al-Jazeera. Altre possibili testate internazionali, come la BBC, Deutsche Welle o Voice of America, sono ora vietate.
 
“I Talebani sostengono che la legge che applicano è sacra, in quanto data da Dio, e che non c'è spazio per la partecipazione umana nella sua scrittura, escludendo fondamentalmente ogni forma di responsabilità e non concedendo alcuna rappresentanza quando si tratta di legiferare,” spiega Rahimi. “Ma una cosa è la sharia, cioè il Corano e gli insegnamenti e le pratiche del profeta Maometto e dei suoi compagni, un'altra cosa ciò che i talebani applicano, che è il fiqh, cioè la giurisprudenza islamica, frutto dell’opera dell'uomo.” Come in un sistema di common law, infatti, i giuristi islamici decidono da secoli su nuove questioni basandosi sull'analogia con soluzioni esistenti a problemi simili. Inoltre, si tratta di un dibattito continuo e pluralistico, perché nel mondo islamico non esiste un'autorità suprema come un Papa e in luoghi diversi i giuristi possono arrivare a soluzioni diverse.
 
Dopo la fine del colonialismo, i paesi islamici appena diventati indipendenti si trovarono di fronte al problema di passare dal diritto islamico pluralistico a un diritto statale, avendo l'Europa come modello legislativo. “In generale, hanno deciso di creare corpi legislativi e parlamenti,” dice Rahimi, “e di scrivere le leggi come qualsiasi paese europeo, ma con una condizione stringente: la legge non deve violare i fondamenti dell'Islam.” Nella maggior parte dei casi, hanno selezionato alcune opinioni dal corpo pluralistico della giurisprudenza, e le hanno trasformate in legge statale. Su argomenti più vicini alla religione, come il diritto di famiglia, hanno semplicemente codificato il fiqh, su argomenti lontani hanno quasi imitato i codici civili europei (il codice francese in Egitto, il codice tedesco in Turchia), con molte soluzioni diverse nel mezzo.
 
L'Afghanistan ha seguito questo stesso percorso, con una Costituzione scritta nel 2004, “ma i Talebani rifiutano l'intero processo,” dice Rahimi, “e si attengono a un particolare filone di opinione: l’ala più conservatrice della madhhab (scuola di diritto) hanafita. La cosa interessante, emergente, è che alcuni talebani più giovani, che seguono un filone più progressista della stessa scuola hanafita, hanno dichiarato apertamente le loro opinioni dissenzienti nei mesi successivi alla presa di potere in alcune aree.”

Economia e moneta
 
Nel suo esilio autoimposto, Rahimi fa anche parte di un gruppo di studiosi afgani di varie discipline, che pensano che l'Afghanistan debba mantenere un'economia funzionante anche sotto il dominio talebano e si battono per evitare che i beni della Banca Centrale Afgana detenuti negli Stati Uniti siano usati impropriamente. “Quaranta milioni di persone vivono in Afghanistan e rischiano la fame. Gli aiuti internazionali sono utili solo fino a un certo punto, i cittadini hanno bisogno della possibilità di fare affari, di commerciare con gli stranieri,” dice Rahimi. “Un primo passo nella giusta direzione sono le esenzioni concesse dagli USA alle sanzioni, che rendono possibile pagare le tasse ai talebani, anche se non sono riconosciuti come un governo legittimo. Un’economia, però, ha anche bisogno di una banca centrale, di una moneta funzionante e di tassi di cambio.”
 
Una banca centrale esiste, ma il governo americano ha congelato $7mld della sua riserva di valuta estera detenuta da istituzioni finanziarie statunitensi, e questo denaro è al centro di una complessa controversia (riassunta qui: https://www.lawfareblog.com/whats-happening-afghanistans-assets), in cui Rahimi e i suoi colleghi sono un attore attivo. Il denaro potrebbe essere in parte assegnato come risarcimento alle famiglie delle vittime dell'11 settembre, “il che sarebbe ingiusto, perché è denaro del popolo afgano, non dei Talebani o di Al Qaeda,” e in parte utilizzato in assistenza umanitaria al popolo afgano, “il che sarebbe disastroso,” dice Rahimi, in modo sorprendente. “È impossibile nutrire 40 milioni di persone semplicemente gettando denaro nel paese. Questo denaro dovrebbe sostenere la valuta, e se viene speso, la valuta afgana diventa un pezzo di carta senza valore. Noi crediamo che il denaro dovrebbe essere usato dalla banca centrale per condurre la politica monetaria, restituendo così un’economia all'Afghanistan.”
 
“Impegnarmi in queste complesse questioni mi aiuta a capire qual è il mio posto nel mondo ora che non ho più una casa nel mio paese,” conclude Haroun.




di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Ecodesign alla prova dei fatti. Il Monitor for Circular Fashion testa la circolarita' del settore moda

    Nel report 2022 dell'osservatorio di SDA Bocconi School of Management e powered by Enel X l'analisi degli indicatori di sostenibilita' nel settore tessile e' applicata a otto prototipi innovativi realizzati dalle aziende partner  

  • Proteggere un Paese dai cyberattacchi… con un podcast

    Greta Nasi conduce una serie di incontri su come gli Stati moderni intendono proteggere le persone, le imprese e la societa' da un nemico invisibile  

Seminari

  Dicembre 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Seminari

  • Matthias Rodemeier, Bocconi University: Willingness to Pay for Carbon Mitigation: A Field Experiment in the Market for Carbon Offsets

    MATTHIAS RODEMEIER - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1

  • Circular Business Models: Product Design and Consumer Participation

    DANIEL HALBHEER - HEC Paris

    Meeting room 4-E4-SR03, Via Roentgen, 1, 4th floor