Misurato il legame tra disoccupazione e criminalita'
SCIENZE POLITICHE |

Misurato il legame tra disoccupazione e criminalita'

LA PROBABILITA' DI ESSERE PERSEGUITI PENALMENTE AUMENTA DEL 23% PER COLORO CHE PERDONO IL LAVORO E PER I LORO FIGLI CONVIVENTI, OSSERVANO BRITTO, PINOTTI E SAMPAIO IN UN ARTICOLO SU ECONOMETRICA

Le ondate di licenziamenti in tempi di crisi possono portare a un'impennata della criminalità, secondo uno studio di Diogo Britto, Paolo Pinotti (entrambi del centro CLEAN, nell’ambito del Baffi-CAREFIN della Bocconi) e Breno Sampaio (Università Federale del Pernambuco) pubblicato su Econometrica. Pertanto, le politiche attive, volte ad accelerare il ritorno al lavoro, risultano ancora più urgenti.
 
Sfruttando dati a livello individuale sull'universo dei lavoratori maschi e dei casi penali in Brasile nel periodo 2009-2017, gli autori osservano che la perdita del lavoro a causa di un’ondata di licenziamenti porta a un aumento del 23% della probabilità di essere perseguiti penalmente.
 
La probabilità di un'azione penale aumenta al momento stesso della perdita del posto di lavoro e rimane costante negli anni successivi, a meno che il lavoratore non sia coperto dall'assicurazione nazionale contro la disoccupazione, che garantisce l'80% del salario per i tre-cinque mesi successivi al licenziamento. Anche in questo caso, però, alla scadenza dell'assicurazione la criminalità aumenta.

Immagine con link a podcast su temi simili. L'immagine di due persone in bianco e nero rimanda all'articolo intitolato: Job loss and crime in Brazil
 
L'effetto osservato riflette un aumento sia dei reati a sfondo economico (+43%) sia dei reati violenti (+17%) ed è notevolmente più forte per i gruppi che hanno maggiori probabilità di avere problemi di liquidità con la perdita del posto di lavoro, ovvero i lavoratori più giovani, quelli assunti da poco e con un basso livello di istruzione. Tuttavia, la probabilità di commettere reati aumenta significativamente per tutti i gruppi - compresi i lavoratori con un reddito superiore alla mediana, anche se in misura minore. Si osserva anche un effetto di ricaduta della perdita del lavoro dei genitori sul comportamento dei figli. In particolare, la probabilità di commettere un reato aumenta in media del 18% per i figli maschi conviventi di lavoratori licenziati.
 
Mentre la teoria ha già previsto un collegamento tra disoccupazione e criminalità, l’evidenza empirica è sempre stata scarsa a causa della mancanza di dati individuali. Il ricco dataset utilizzato dagli autori, invece, permette di confrontare il comportamento dei lavoratori coinvolti da un licenziamento collettivo e dei lavoratori con le stesse caratteristiche, che non hanno sperimentato il licenziamento.
 
Gli autori riescono anche a far luce sui meccanismi che portano dalla disoccupazione alla criminalità. “I nostri risultati supportano le spiegazioni economiche, in primo luogo la mancanza di liquidità, rispetto alle ipotesi alternative,” dice Britto. “Inoltre, l'aumento di tutti i tipi di reato, compresi quelli senza motivazione economica, come quelli collegati agli incidenti stradali, suggerisce che anche lo stress psicologico per la perdita del lavoro gioca un ruolo importante.”
 
“Nei periodi di crisi dell’occupazione,” conclude Pinotti, “il sostegno al reddito dovrebbe essere accompagnato da politiche attive, volte ad accelerare il ritorno all’occupazione e a garantire un reddito stabile piuttosto che un'assistenza temporanea al reddito. Inoltre, sia le politiche passive che quelle attive dovrebbero essere rivolte ai gruppi più vulnerabili, perché tali gruppi sono più esposti al rischio di povertà al momento del licenziamento e di conseguenza hanno maggiori probabilità di commettere reati.”
 
Diogo Britto, Paolo Pinotti, Breno Sampaio, “The Effect of Job Loss and Unemployment Insurance on Crime in Brazil”, Econometrica: Jul 2022, Volume 90, Issue 4, p. 1393-1423.. DOI: https://doi.org/10.3982/ECTA18984.
 

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Ecodesign alla prova dei fatti. Il Monitor for Circular Fashion testa la circolarita' del settore moda

    Nel report 2022 dell'osservatorio di SDA Bocconi School of Management e powered by Enel X l'analisi degli indicatori di sostenibilita' nel settore tessile e' applicata a otto prototipi innovativi realizzati dalle aziende partner  

  • Proteggere un Paese dai cyberattacchi… con un podcast

    Greta Nasi conduce una serie di incontri su come gli Stati moderni intendono proteggere le persone, le imprese e la societa' da un nemico invisibile  

Seminari

  Dicembre 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Seminari

  • Matthias Rodemeier, Bocconi University: Willingness to Pay for Carbon Mitigation: A Field Experiment in the Market for Carbon Offsets

    MATTHIAS RODEMEIER - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1

  • Circular Business Models: Product Design and Consumer Participation

    DANIEL HALBHEER - HEC Paris

    Meeting room 4-E4-SR03, Via Roentgen, 1, 4th floor