I CEO che amano il rischio promuovono davvero l'innovazione?
MANAGEMENT |

I CEO che amano il rischio promuovono davvero l'innovazione?

UNA RICERCA CONDOTTA DA DOVEV LAVIE E PATRICIA KLARNER RIVELA CHE LA PROPENSIONE AL RISCHIO DI UN CEO PROMUOVE L'ESPLORAZIONE NELLO SVILUPPO DEI PRODOTTI SOLO QUANDO L'AMMINISTRATORE DELEGATO HA MOLTO POTERE, LA PRESSIONE COMPETITIVA E' FORTE E, SORPRENDENTEMENTE, L'ESPERIENZA DI ESPLORAZIONE ACCUMULATA DALL'AZIENDA NON E' TROPPO ELEVATA

Per quanto intuitiva possa sembrare, l'associazione tra la propensione al rischio dei CEO (una tendenza comportamentale ad assumere rischi) e la prevalenza dell'esplorazione (cioè lo sviluppo di nuove conoscenze) rispetto allo sfruttamento (cioè il perfezionamento e lo sfruttamento delle conoscenze esistenti) nello sviluppo dei prodotti delle loro aziende non è scontata. Una nuova ricerca condotta da Dovev Lavie (Dipartimento di Management e Tecnologia della Bocconi) e Patricia Klarner (Vienna University of Economics and Business) ha rivisitato questa relazione.
 
Studi precedenti avevano osservato una semplice associazione positiva tra l'effettiva assunzione di rischio e l'esplorazione nelle piccole e medie imprese. Lavie e Klarner hanno studiato aziende quotate che operano in un settore dinamico e hanno utilizzato la content analysis per introdurre un nuovo approccio per catturare la propensione al rischio di un amministratore delegato e per esaminare come tale propensione guidi la transizione di un'azienda dallo sfruttamento all'esplorazione nello sviluppo del prodotto. Inoltre, hanno identificato le condizioni in cui questa associazione è valida.
 
“La propensione al rischio di un CEO spinge all'esplorazione solo quando sono soddisfatte determinate condizioni,” riassume Lavie. “Dipende dal potere personale dell'amministratore delegato, dal supporto organizzativo per queste decisioni rischiose in azienda e dalle pressioni esterne che provengono dal settore di appartenenza e che influenzano l'assunzione di rischi all'interno dell’impresa.”
 
Gli autori hanno analizzato 229 aziende statunitensi quotate in borsa del settore dei pacchetti di software nel periodo 1990-2001. In questo periodo, le aziende del campione si sono impegnate in una sostanziale innovazione, introducendo 5.046 nuovi prodotti (una misura di esplorazione) e 7.027 versioni di prodotti esistenti (una misura di sfruttamento).
 
Per misurare la propensione al rischio di un CEO, gli autori hanno sviluppato un dizionario di parole rilevanti che rappresentano la propensione e l'avversione al rischio nel contesto specifico dei CEO dell'industria del software negli anni '90 e hanno applicato la content analysis a un corpus di 26.138 articoli di stampa per i 418 CEO del campione.
 
I risultati suggeriscono che la misura in cui la propensione al rischio del CEO si traduce in esplorazione nello sviluppo del prodotto dipende dalla capacità del CEO di influenzare l'assunzione di rischio nell'azienda esercitando un potere. Questo potere, secondo i ricercatori, deriva da tre fonti:
 
            La tenure del CEO, ossia la quantità di tempo che l'individuo ha trascorso nella posizione di CEO dell'azienda da quando è stato nominato tale.
  La dualità del CEO, ovvero se il CEO ricopre anche la carica di presidente del consiglio di amministrazione.
  L'origine del CEO, riferita ai CEO interni che sono in grado di mobilitare la loro rete aziendale consolidata per promuovere l'esplorazione.
 
Oltre al potere personale, gli autori hanno rilevato che la pressione competitiva, misurata come numero di concorrenti che l'azienda incontra nei suoi mercati di prodotto, crea l'urgenza di ricercare nuove conoscenze, di sperimentare prototipi di prodotto e di introdurre nuovi prodotti sul mercato e, quindi, rafforza l'appello del CEO all'esplorazione.
 
Infine, l'esperienza di esplorazione accumulata dall'impresa entra in gioco in modo sorprendente. Contrariamente alle aspettative, l'esperienza esplorativa accumulata dall'azienda non rafforza, ma piuttosto indebolisce l'effetto della propensione al rischio del CEO sull'esplorazione. “Questo risultato inaspettato potrebbe suggerire che un'impresa che raggiunge un livello di esplorazione eccessivo in seguito agli sforzi di esplorazione compiuti in passato è incline a limitare la propria tendenza all'esplorazione alla ricerca di un equilibrio tra esplorazione e sfruttamento,” spiegano gli autori.
 
Lo studio offre ricche implicazioni manageriali sia per i CEO che per i consigli di amministrazione: “Un CEO più propenso al rischio non può impegnarsi nell'esplorazione se non ha potere, se non c'è pressione competitiva o se l'azienda ha esplorato già troppo,” afferma Lavie.
 
“In particolare, un CEO che non ha tenure, status di insider o posizione duale deve costruire coalizioni interne e raccogliere il sostegno dell'organizzazione per l'esplorazione. Anche un CEO che gode di discrezionalità deve valutare il particolare punto di equilibrio dell'azienda ed evitare di allontanarsene,” aggiunge Klarner.
 
I consigli di amministrazione, a loro volta, devono valutare attentamente i profili di rischio dei CEO per determinare se le loro inclinazioni comportamentali siano in linea con le tradizioni aziendali di esplorazione e sfruttamento e con l'equilibrio desiderato tra le due inclinazioni.

 Immagine con link ad articoli su temi simili. L'immagine di alcune figure di legno rappresentati persone nel mondo business rimanda all'articolo intitolato: Uno sguardo ai percorsi di carriera di successo degli amministratori delegati italiani  Immagine con link ad articoli su temi simili. L'immagine di una lampadina rimanda all'articolo intitolato: Un metodo scientifico per la gestione dell'innovazione Immagine con link ad articoli su temi simili. L'immagine di due persone che si stringono la mano e altre persone che applaudono rimanda all'articolo intitolato: È il sentiment degli stakeholder a decidere il destino di un nuovo CEO
 
Dovev Lavie, Patricia Klarner, “When Does a CEO’s Risk Propensity Drive Exploration in Product Development?”, Strategy Science, Articles in Advance, DOI: https://doi.org/10.1287/stsc.2022.0160.
 

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Ecodesign alla prova dei fatti. Il Monitor for Circular Fashion testa la circolarita' del settore moda

    Nel report 2022 dell'osservatorio di SDA Bocconi School of Management e powered by Enel X l'analisi degli indicatori di sostenibilita' nel settore tessile e' applicata a otto prototipi innovativi realizzati dalle aziende partner  

  • Proteggere un Paese dai cyberattacchi… con un podcast

    Greta Nasi conduce una serie di incontri su come gli Stati moderni intendono proteggere le persone, le imprese e la societa' da un nemico invisibile  

Seminari

  Dicembre 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Seminari

  • Matthias Rodemeier, Bocconi University: Willingness to Pay for Carbon Mitigation: A Field Experiment in the Market for Carbon Offsets

    MATTHIAS RODEMEIER - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1

  • Circular Business Models: Product Design and Consumer Participation

    DANIEL HALBHEER - HEC Paris

    Meeting room 4-E4-SR03, Via Roentgen, 1, 4th floor