La spesa in infrastrutture e politiche monetarie restrittive
NEWS |

La spesa in infrastrutture e politiche monetarie restrittive

UNO STUDIO APPROFONDITO DI STEFANO GATTI E CARLO CHIARELLA SULL'IMPATTO DELL'AUMENTO DELL'INFLAZIONE SUI PROGETTI A LUNGO TERMINE IN OCCASIONE DELLA RINNOVATA PARTNERSHIP TRA BOCCONI E ANTIN IP

Investire in progetti infrastrutturali non ha generalmente meno senso in tempi di politica monetaria più restrittiva. È questo uno dei punti principali dello studio che Stefano Gatti, Antin IP professor in Infrastructure Finance, e Carlo Chiarella (CUNEF Universidad, Madrid) presenteranno il 5 ottobre prossimo all'evento inaugurale del rinnovo dell’accordo di partnership tra Bocconi e Antin IP.
 
I progetti infrastrutturali sono per loro natura legati a un orizzonte di lungo periodo. Pertanto, le condizioni economiche e politiche iniziali sono destinate a cambiare nel corso della durata dell'investimento, rendendo più difficile la stima del valore attuale netto dell'investimento stesso. Le politiche economiche più restrittive, come quelle attualmente in atto nei Paesi occidentali in risposta all'aumento dell'inflazione, rappresentano un'ulteriore preoccupazione per gli investitori.
 
La politica monetaria può influire sui prezzi delle infrastrutture in due modi diversi, che potrebbero compensarsi a vicenda. La natura di lungo termine degli investimenti infrastrutturali, con flussi di cassa futuri ampiamente prevedibili e stabili, li rende vulnerabili a un aumento del rendimento richiesto dagli investitori. Come altri asset di lunga durata, il loro valore attuale netto diminuirà quando gli investitori chiederanno rendimenti più elevati dopo un inasprimento della politica monetaria. Tuttavia, una politica monetaria più restrittiva è solitamente associata a periodi di inflazione più elevata e/o di crescita economica più sostenuta, e questo è proprio il momento in cui alcuni investimenti infrastrutturali saranno più richiesti. Inoltre, la pressione inflazionistica può essere trasferita agli utenti attraverso l'aumento delle tariffe, almeno nella misura in cui le autorità di regolamentazione lo consentono.
 
L'analisi dei dati storici condotta da Stefano Gatti e Carlo Chiarella mostra che, di norma, il rendimento mediano è più elevato nei periodi di politica monetaria più restrittiva. Ciò può essere indicativo di un aumento dei prezzi dettato dalla domanda da parte degli investitori di ritorni che proteggano dall'inflazione, sufficientemente forte da più che compensare l'impatto negativo dell'aumento dei rendimenti richiesti. Naturalmente, si tratta di una tendenza generale e i diversi tipi di infrastrutture possono comportarsi in modo differente.
 

di Andrea Costa
Bocconi Knowledge newsletter

Persone

  • Seguire gli effetti delle riforme del lavoro in Francia

    Thomas Le Barbanchon entra a far parte del comitato scientifico istituito dal governo francese per controllare l'attuazione di una importantissima serie di riforme  

  • Donato Masciandaro nominato presidente di SUERF

    Il direttore del Centro Baffi entrera' in carica a maggio. Prima di lui, per quanto riguarda la Bocconi, Mario Monti e Franco Bruni  

Seminari

  Marzo 2024  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Seminari

  • El Hadi Caoui - Network Diversity, Market Entry, and the Global Internet Backbone

    EL HADI CAOUI - Rotman School of Management

    Alberto Alesina Seminar Room 5.e4.sr04, floor 5, Via Roentgen 1

  • Alex Frankel: Comparisons of Signals

    ALEX FRANKEL - Chicago Booth

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen)