Non tutti i consiglieri valgono uno
FINANZA |

Non tutti i consiglieri valgono uno

QUANDO IL CEO HA MOLTO POTERE, LE POSIZIONI RILEVANTI NEL CDA SONO RICOPERTE DA UOMINI DI SUA FIDUCIA, SE INVECE IL SUO POTERE E' LIMITATO VANNO AI CONSIGLIERI PIU' COMPETENTI, SECONDO UNA RICERCA DI WAGNER, FEDASEYEU E UN COAUTORE

La letteratura sui compensi dei dirigenti è piuttosto ricca, lo è molto meno quella sui membri dei consigli d’amministrazione. Hannes Wagner, professore associato di finanza alla Bocconi, ha indagato il rapporto fra le qualifiche dei consiglieri, i loro compensi e le loro funzioni. Fino a che punto questi ultimi sono correlati alla competenza e quanto, invece, dipendono dalla vicinanza all’amministratore delegato? La questione è affrontata in Do Qualifications Matter? New Evidence on Director Compensation, paper co-firmato con Viktar Fedaseyeu (Università Bocconi) e James S. Linck (Southern Methodist University, Dallas).
 
“Il CdA è un po’ una scatola nera”, afferma Wagner. “Lo è per due ragioni. Fino a poco tempo fa la raccolta di questo tipo di dati doveva passare attraverso la consultazione manuale delle relazioni annuali. In secondo luogo, si pensava erroneamente che tutti i membri dei CdA ricevessero in linea di massima lo stesso compenso”.
 
Wagner, Fedaseyeu e Linck hanno studiato emolumenti e funzioni di 13.329 amministratori esterni dei board di 1777 società quotate statunitensi tra il 2006 e il 2010. Hanno scoperto che i compensi sono differenziati in relazione alle funzioni svolte. “La domanda perciò diventa: chi determina la ripartizione delle funzioni? Quando il potere del Ceo è basso, le funzioni finiscono nelle mani degli amministratori più qualificati. Un Ceo potente finirà, invece, per selezionare non le persone più qualificate, ma quelle da cui si aspetta un’azione di controllo più blanda”.
 
Vi è un secondo tipo di compenso dato ad alcuni membri in modo discrezionale dal consiglio una volta all’anno. Può ammontare a milioni di dollari. “Nessun precedente lavoro l’ha analizzato. Le poche società che lo prevedono, meno del 10% del totale, sono quelle in cui il Ceo è particolarmente influente. Gli amministratori che hanno una storia di lavoro al fianco del Ceo hanno maggiori probabilità di ricevere tale compenso variabile”. Pur basandosi su un numero limitato di dati, il paper indaga anche che cosa accade al valore dell’impresa nel giorno della morte improvvisa e inattesa di un amministratore esperto: esso diminuisce. Il mercato, a quanto pare, premia il capitale umano.

Leggi le altre storie sul tema del capitale umano di dieci studiosi della Bocconi

Siamo chi assumiamo
Gig economy: quali diritti per il lavoratore
Il popolo eletto che ha investito su di sé
Non solo ceo, l’importanza dei manager
Investire tempo nei figli paga
Vittoria incerta, candidati migliori
La rilevanza degli incentivi
Le conseguenze famigliari dell’incertezza
Autonomia decisionale: basta trovare l’equilibrio
La geografia del capitale umano

 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • Quanto valgono le scelte dei singoli

    Paolo Pin individua alcuni meccanismi sociali che pregiudicano o rendono efficaci le politiche di contenimento  

  • L'importanza di un servizio sanitario nazionale forte

    Eduardo Missoni e un team di alumni hanno studiato come i sistemi sanitari hanno affrontato l'emergenza COVID  

Seminari

  Luglio 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Lighthouse in the Dark: Information in Private Lending

    Shasha Li, Università Bocconi BROWN BAG SEMINAR

    Sala riunioni AS02 - Via Roentgen, 1

  • Enhancing the Composition of Digital Content along the Customer Journey

    Daniela Schmitt, The Wharton School, University of Pennsylvania Seminario Job Market Per informazioni contattare dip.mkt@unibocconi.it

    Webinar