Con le simulazioni Monte Carlo, arriva una rivoluzione epocale nella valutazione probabilistica del rischio nei business plan
FINANZA |

Con le simulazioni Monte Carlo, arriva una rivoluzione epocale nella valutazione probabilistica del rischio nei business plan

UN NUOVO MODELLO PRESENTATO DA ALESSANDRO NOVA

Il paradigma nella valutazione del rischio delle imprese sta cambiando radicalmente. Da modelli di pianificazione deterministica si sta passando a modelli di pianificazione probabilistica più ricchi e complessi. “È un cambiamento epocale”, assicura Alessandro Nova. Nell’aprile 2019, il professore di Finanza aziendale ha presentato con Maurizio Poli a #MINE, evento di knowledge sharing della comunità di SDA Bocconi School of Management, un modello di valutazione probabilistica dei business plan. Costruito a partire da un dataset relativo a 60 mila imprese osservate nell’arco di 6 anni, il modello è in grado di verificare il grado di attendibilità delle ipotesi assunte alla base dei business plan e il grado di rischio affrontato dai finanziatori dell’azienda attraverso la simulazione Monte Carlo, che permette di approssimare risultati estremamente complessi attraverso l’utilizzo di variabili stocastiche. “A differenza dei modelli esistenti, consente di stimare non solo le singole grandezze, ma un sistema perfettamente congruente di variabili”, spiega Nova. “Permette infatti di ricostruire le relazioni tra le distribuzioni delle diverse variabili e le distribuzioni di variabili a valle, attraverso un processo a cascata. È un modello estremamente efficace nelle simulazioni di lungo periodo ed essendo un modello perfettamente congruente non si limita a giudicare l’affidabilità complessiva del business plan, ma è in grado di individuare le variabili critiche”.

È uno strumento utile soprattutto alle aziende di piccola e media dimensione, che in Italia hanno una scarsa propensione alla pianificazione strategica, ma anche e soprattutto a investitori finanziari e fondi di private equity interessati a verificare la ragionevolezza delle ipotesi proposte dalle imprese. “Ne potrebbero fare uso anche le banche nell’ambito del nuovo principio contabile Ifrs 9, che richiederà la valutazione dei business plan delle imprese senza che esista, sempre, il know how necessario per farlo. Grazie a questo modello, le banche potranno verificare immediatamente l’attendibilità del business plan, la probabilità di fallimento dell’azienda e la misura analitica della perdita in caso di default”.

Per approfondire
Capire il rischio in azienda e nelle nostre vite
La governance aziendale non è a prova di cigno nero
I guai veri cominciano quando pensiamo di essere in grado di calcolare ogni cosa
Di fronte all'ambiguità il policy maker reagisce come facciamo tutti noi, esseri umani
Un ponte grazie al quale la teoria delle decisioni incontra l'analisi del rischio
Nessun sistema economico è al sicuro, perché gli shock viaggiano velocemente e, molto spesso, in direzioni inattese
Quando il commercio internazionale aumenta la possibilità di conflitto
Come ti rendo innocui i non performing loan
Ridurre le infezioni ospedalieri con nuovi metodi di pulizia

 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • Comprendere le conseguenze del lockdown per le persone anziane

    Un'indagine su larga scala sulle persone anziane esplorera' gli effetti reali dell'isolamento per prepararsi ad eventi simili in futuro  

  • Politica del lavoro, la vera agenda Trump deve ancora cominciare

    Le mosse del Presidente sono spesso anti sindacali e sempre anti Obama, secondo l'analisi di Davide Zecca  

Seminari

  Giugno 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Marital Property Regimes and Investments: Evidence from Spain
    PhD JM Practice Talk - Applied Microeconomics

    Blanka Imre, Bocconi University

    Webinar

  • Gender Equality

    Introduction: Paola Profeta, Università Bocconi Keynote Speaker: Matthias Doepke, Northwestern University Winners of the Unicredit Foundation Best Paper Award on Gender Economics: Silvia Griselda University of Melbourne Lingwei Wu, University of Bonn Xinyu Fan, Cheung Kong Graduate School of Business (CKGSB) Conclusions: Laura Penna, UniCredit

    Online Conference