Negli USA la chiusura delle scuole penalizza gli studenti gia' svantaggiati
SCIENZE POLITICHE |

Negli USA la chiusura delle scuole penalizza gli studenti gia' svantaggiati

ZACHARY PAROLIN HA ANALIZZATO LA DISTRIBUZIONE DELLE CHIUSURE DELLE SCUOLE A CAUSA DEL COVID E HA CONCLUSO CHE, DA SETTEMBRE 2020, LE MINORANZE RAZZIALI, GLI STUDENTI BISOGNOSI E CON UN RENDIMENTO SCOLASTICO GIA' SCARSO SONO QUELLI PIU' ESPOSTI AL DISTANCE LEARNING

La distribuzione disomogenea delle chiusure delle scuole negli Stati Uniti da settembre 2020 minaccia di esacerbare i divari regionali, razziali e di classe nel rendimento scolastico, secondo una ricerca di Zachary Parolin, Assistant Professor del Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche della Bocconi, recentemente pubblicata su Nature Human Behavior.

Parolin ed Emma Lee (Columbia University) hanno osservato che il ricorso al distance learning, da settembre a dicembre 2020, è stato più comune nelle scuole con risultati di apprendimento peggiori (misurati con i punteggi di un test standardizzato di matematica del terzo anno), una quota maggiore di studenti senza fissa dimora, più studenti che hanno diritto alla mensa gratuita o a prezzo ridotto e appartenenti a minoranze razziali/etniche.
 
“Se le scuole e gli studenti con i maggiori svantaggi pre-COVID sono anche quelli più esposti alla chiusura delle scuole e all'apprendimento a distanza, le disuguaglianze nei risultati di apprendimento possono peggiorare”, dice. Studi recenti hanno dimostrato, infatti, che l'apprendimento a distanza è meno efficace della scuola tradizionale, e che la riduzione nei risultati dei test è più marcata per gli studenti con genitori meno istruiti.
 
Gli autori hanno misurato la presenza a scuola utilizzando un database anonimo in grado di tracciare, attraverso i telefoni cellulari, il traffico verso le scuole. Il database copre il 94% dei distretti scolastici statunitensi e il 98% delle contee. Una scuola è stata classificata come “chiusa” o “quasi chiusa” in un dato mese se ha sperimentato un calo delle visite del 50% rispetto all'anno precedente.
 
“I divari di razza/etnia e di punteggio in matematica sono particolarmente sorprendenti”, scrivono Parolin e Lee. “In ottobre, il 35% degli studenti bianchi era in distance learning, rispetto al 52% degli studenti neri, al 60% degli studenti ispanici e al 65% degli studenti asiatici. Inoltre, le scuole che registravano i punteggi più bassi in matematica prima della pandemia avevano, in media, circa 15 punti percentuali in più di probabilità di essere chiuse durante il periodo settembre-dicembre 2020 rispetto alle scuole con punteggi medi”.
 
Le disparità sembrano essere dovute principalmente alla geografia: le città più grandi e più densamente popolate sono sia a maggior rischio di diffusione del COVID, sia più razzialmente miste, mentre le aree rurali e meno popolate sono più spesso bianche. Anche la politica può giocare un ruolo, dato che i democratici (al potere in aree più dense e razzialmente miste, come la California o Washington DC) tendono ad essere più rigorosi nelle restrizioni COVID rispetto ai repubblicani.
 
“I risultati dello studio non implicano che stiamo prendendo posizione sull'opportunità di chiudere le scuole”, avverte Parolin. “Le chiusure delle scuole possono salvare vite se impediscono la diffusione del COVID e la decisione di passare all'apprendimento a distanza è senza dubbio difficile. Il nostro studio osserva solo che le chiusure possono aumentare il divario di apprendimento”.
 
Zachary Parolin, Emma, K. Lee, “Large Socio-Economic, Geographic and Demographic Disparities Exist in Exposure to School Closures.” Nature Human Behavior (2021). DOI: https://doi.org/10.1038/s41562-021-01087-8.

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Perche' le aziende familiari sono piu' resilienti

    Alcune caratteristiche delle famiglie imprenditoriali amplificano le capacita' del top management team di assorbire e riprendersi dagli shock, secondo un'analisi di Bocconi, Unicredit e AIDAF  

  • Una mappa dell'attrattivita' degli investimenti nelle infrastrutture agroalimentari

    Uno studio a cura di Stefano Gatti, titolare della cattedra Antin Infrastructure Partners in Infrastructure Financing, traccia le tendenze di lungo periodo e mette a confronto le varie applicazioni in un settore sempre piu' importante  

Seminari

  Settembre 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Seminari

  • Enrico Diecidue: Timing and skewness of information revelation: evidence on information structures and compound lotteries

    ENRICO DIECIDUE - INSEAD

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen)

  • Stefano Rossi, Bocconi University: The Coherence Side of Rationality: Rules of Thumb, Narrow Bracketing, and Managerial Incoherence in Corporate Forecasts

    STEFANO ROSSI - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1