La mancanza di diversificazione di portafoglio rende rischiosa la globalizzazione per gli investitori occidentali
FINANZA |

La mancanza di diversificazione di portafoglio rende rischiosa la globalizzazione per gli investitori occidentali

SECONDO UNO STUDIO DI JULIEN SAUVAGNAT DELLA BOCCONI E COLLEGHI, GLI INVESTITORI AMERICANI CHIEDONO UN FORTE PREMIO DI RISCHIO DEL 7% QUANDO INVESTONO IN AZIENDE ESPOSTE A SHOCK COMMERCIALI E LO STESSO VALE PER L'EUROPA. SI TRATTA DI UN EFFETTO MOLTO AMPIO, DETTATO DAL RISCHIO DI FALLIMENTO DELLE AZIENDE LOCALI MENO PRODUTTIVE

I prezzi delle attività evidenziano che la globalizzazione è percepita come un rischio dagli investitori. A causa della mancanza di diversificazione del loro portafoglio, afferma un nuovo studio di Julien Sauvagnat dell'Università Bocconi e di due colleghi, gli investitori chiedono un premio considerevole quando investono in aziende esposte alla globalizzazione. «L'effetto è davvero notevole», afferma Sauvagnat. «Il premio annuo del 7% che abbiamo registrato è della stessa entità del premio richiesto dagli investitori americani per l'acquisto di azioni anziché di attività prive di rischio».
 

 
Gli studiosi utilizzano i costi di trasporto per misurare l'esposizione delle imprese alla globalizzazione e agli shock commerciali e, analizzando i dati di rendimento di 5.854 azioni americane nel periodo 1975-2015, scoprono che le aziende con bassi costi di trasporto hanno rendimenti medi annui superiori del 7% rispetto a quelli delle industrie con costi di trasporto elevati. Il premio sembra essere determinato in larga parte dal rischio di fallimento delle imprese meno produttive in settori esposti alla concorrenza straniera.
 
Quando si verifica uno shock commerciale (le imprese straniere diventano più produttive e quindi più competitive sul mercato locale, ad esempio), gli investitori locali sperimentano sia un effetto prezzo che un effetto ricchezza. Nell'esempio, l'effetto prezzo è positivo, in quanto i prezzi dei beni si riducono, e l'effetto ricchezza potrebbe avere qualsiasi segno. Quando gli investitori hanno un portafoglio diversificato, con titoli nazionali ed esteri, l'effetto potrebbe essere positivo o nullo, ma è negativo quando gli investitori detengono solo titoli nazionali. «Un premio di rischio positivo per le società più esposte significa che i portafogli degli investitori non sono sufficientemente diversificati», commenta Sauvagnat.
 
Gli studiosi hanno ripetuto l'analisi in 16 paesi europei e i premi di globalizzazione corrispondono quasi perfettamente a quello americano, suggerendo che la loro analisi è solida e che la mancanza di diversificazione non riguarda solo gli investitori americani.
 
«In anni di diminuzione dei costi di spedizione e di aumento dell'esposizione agli shock commerciali, i portafogli meno diversificati sono vulnerabili e sarebbe opportuna una diversificazione globale», conclude Sauvagnat.
 
Jean-Noël Barrot, Erik Loualiche, Julien Sauvagnat, The Globalization Risk Premium, in early view, The Journal of Finance, doi: 10.1111/jofi.12780.

di Fabio Todesco

News

Tutte le News
  • La School of Law della Bocconi entra nell'American Society of Comparative Law

    All'associazione, fondata nel 1951, fa riferimento il prestigioso American Journal of Comparative Law  

  • Salvare gli oceani partendo dalla terra: il ruolo delle imprese

    Due terzi delle imprese mediterranee non sono consapevoli del loro impatto sulla sostenibilita' marina o sono inattive nella mitigazione. Ma c'e' speranza, grazie al 34% delle aziende definite leader della sostenibilita', secondo un Report for the One Ocean Foundation scritto da ricercatori di SDA Bocconi, McKinsey e CSIC  

Seminari

  Novembre 2019  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Bank Transparency and Deposit Flows

    Itay Goldstein, Wharton University of Pennsylvania

    Sala riunioni 2.e4.sr03 - Via Roentgen, 1

  • Bayesian Auctions with Efficient Queries
    Teoria economica, Teoria delle Decisioni ed Economia Sperimentale

    Jing Chen (Stony Brook University) Paper

    Aula Seminari 3.e4.sr03 - Via Roentgen 1