Perche' le politiche antitrust contano piu' della liberalizzazione del commercio
FINANZA |

Perche' le politiche antitrust contano piu' della liberalizzazione del commercio

ANALIZZANDO PIU' DI 10 MILIONI DI IMPRESE IN 90 PAESI, NICOLA LIMODIO RILEVA CHE LA CONCORRENZA INTERNAZIONALE INTERESSA SOLO IL 20% DELLE AZIENDE. PER IL RESTANTE 80%, LA REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO PUO' ESSERE UN MODO EFFICACE PER EVITARE ABUSI DI POTERE DI MERCATO

La liberalizzazione del commercio internazionale non è sufficiente a fornire all'economia i benefici della concorrenza. Una buona dose di politica antitrust è persino più necessaria, secondo uno studio di prossima pubblicazione su American Economic Review: Insights, di cui è co-autore Nicola Limodio, assistant professor del Dipartimento di Finanza della Bocconi. La liberalizzazione del commercio riguarda solo il 20% circa delle imprese, quelle che operano nei cosiddetti tradable goods, i beni commerciabili internazionalmente. “Quattro imprese su cinque operano nel settore dei beni non-tradable e il modo efficace per contrastare gli abusi di potere di mercato in questi settori è una rigorosa politica antitrust”, afferma Limodio.
 
Gli autori utilizzano dati a livello aziendale che coprono più di 10 milioni di aziende in più di 90 paesi per dieci anni e misurano le politiche antitrust in diversi paesi attraverso un indice, pubblicamente disponibile, sviluppato da studiosi di diritto. Così facendo, osservano che, in media, i margini di profitto nei settori non-tradable, al 7,58%, sono superiori ai margini nelle industrie esposte alla concorrenza internazionale (5,18%).
 
Il rafforzamento delle politiche antitrust, tuttavia, abbassa i margini di profitto nei settori non-tradable più che in quelli tradable. “I risultati sono economicamente significativi”, afferma Limodio, "e suggeriscono, ad esempio, che se la Cina adottasse le politiche antitrust della Francia, ci aspetteremmo un calo del 19% nel margine medio di proļ¬tto”.
 
Gli autori osservano inoltre una concentrazione di mercato più bassa nei settori non-tradable quando la politica antitrust è forte. Al contrario, i cambiamenti di politica antitrust producono effetti trascurabili sui settori tradable, in linea con l'ipotesi che i mercati internazionali già disciplinino il comportamento delle imprese in tali settori.
 
Per i beni tradable, l'esposizione alla concorrenza estera funge da meccanismo di freno per le imprese, portando a una riduzione dei loro margini di profitto. Tuttavia, per i beni non-tradable il comportamento delle imprese dipende dalle politiche di concorrenza dei governi. Questo è importante perché la concorrenza internazionale ha scarse probabilità di incidere sulla condotta dell'80% delle imprese.
 
I risultati dello studio confermano il ruolo di un ambiente istituzionale di buona qualità nel promuovere la crescita e individuano nella regolamentazione del mercato il meccanismo chiave per i settori non interessati dalla concorrenza internazionale. “Altre misure della qualità delle istituzioni”, conclude Limodio, “non sembrano correlate con la redditività nei settori non-tradable dell'economia”.
 
Timothy Besley, Nicola Fontana, Nicola Limodio, “Antitrust Policies and Profitability in Non-Tradable Sectors”, forthcoming in American Economic Review: Insights.

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Una Big Bang Theory sul successo di Gucci

    La scelta di conquistare il mercato attraverso il ringiovanimento dell'organizzazione e una nuova serie di valori e' stata la chiave del successo del turnaround di Gucci sotto la guida di Marco Bizzarri e Alessandro Michele, secondo uno studio presentato ieri  

  • L'AI che racconta le immagini in italiano

    CLIPItalian, recentemente sviluppato da un team che comprende Federico Bianchi, e' il primo e unico modello di AI per associare le immagini e le loro descrizioni in italiano su larga scala  

Seminari

  Settembre 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Seminari

  • Going Digital to Conform and Perform: Learning Logics Underpinning Digital Advertising Spending

    Seoyoung KIM, University of Georgia   Seminario Job Market. Per informazioni contattare dip.mkt@unibocconi.it

    Webinar

  • Explaining Greenium in a Macro-Finance Integrated Assessment Model

    Biao Yang, Bocconi University Practice for Job Market

    Aula 7, Via Bocconi 8