Quando la religione ostacola lo sviluppo industriale
ECONOMIA |

Quando la religione ostacola lo sviluppo industriale

IN FRANCIA, DURANTE LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE, I PROGRAMMI ANTISCIENTIFICI DELLE SCUOLE CATTOLICHE HANNO IMPEDITO L'ACCUMULO DI CAPITALE UMANO NELLE AREE PIU' RELIGIOSE DEL PAESE, SECONDO UNA RICERCA DI MARA SQUICCIARINI

La religione ha ostacolato la diffusione della conoscenza e lo sviluppo economico in Francia durante la Seconda Rivoluzione Industriale (1870-1914), secondo una ricerca di Mara Squicciarini recentemente pubblicata sull'American Economic Review. Opponendosi all'introduzione dell'istruzione tecnica nelle scuole elementari, la Chiesa cattolica impedì l'accumulo di capitale umano nelle aree più religiose del Paese. Livelli più alti di educazione religiosa si traducevano in una significativa riduzione dell'occupazione industriale da 10 a 15 anni dopo, quando gli studenti entravano nel mercato del lavoro.
 
“Contrariamente alla Prima Rivoluzione Industriale”, spiega Squicciarini, “i macchinari industriali più sofisticati della Seconda Rivoluzione Industriale richiedevano una forza lavoro tecnicamente qualificata per essere installati, fatti funzionare, e manutenuti. Di conseguenza, lo Stato francese assunse un ruolo attivo nell'istruzione primaria, promuovendo un curriculum più tecnico per formare una forza lavoro qualificata”. Il rapporto tra la Chiesa e la scienza in Francia, tuttavia, era stato esacerbato dagli eventi della Rivoluzione del 1789 e la Chiesa promuoveva un programma conservatore e antiscientifico, ostacolando l'introduzione del curriculum tecnico e spingendo per l'educazione religiosa. Le famiglie cattoliche spesso preferivano mandare i loro figli in scuole religiose dove potevano conservare la loro identità cattolica, anche se dovevano pagare una retta - mentre l'istruzione pubblica era gratuita - e nonostante il livello mediocre dei sacerdoti trasformati in insegnanti.
 
“Il mio lavoro documenta grandi differenze nei programmi di studio delle scuole laiche e religiose - con le prime che introducono materie tecniche e diventano sempre più moderne e professionali, e le seconde che rimangono i baluardi di una sottocultura cattolica”, afferma Squicciarini.
 
L'intensità religiosa di un'area è associata alla diffusione dell'educazione religiosa e questa, a sua volta, è associata a un minore sviluppo industriale. L'effetto è notevole: passando dal decimo al novantesimo percentile della distribuzione di diffusione delle scuole cattoliche, la quota di occupazione industriale si riduce di 6,2 punti percentuali, rispetto a una media del 28%.
 
Il principale indicatore utilizzato da Squicciarini per determinare l'intensità religiosa nelle diverse aree è la quota di clero refrattario nel 1791, cioè la quota di clero francese che è rimasto fedele alla Chiesa e non ha prestato il giuramento di fedeltà alla Costituzione civile promosso dal governo rivoluzionario. Poiché la decisione di un ecclesiastico di accettare o rifiutare il giuramento era in gran parte determinata dall'atteggiamento religioso della comunità locale, la quota di clero refrattario rifletteva la religiosità a livello locale.
 
Lo sviluppo economico delle aree ad alta o bassa religiosità non cominciò, però, a divergere fino alla Seconda Rivoluzione Industriale, quando i programmi scolastici e l'accumulazione di capitale umano tra la popolazione cominciarono a contare per lo sviluppo industriale. Questi risultati suggeriscono che il rapporto tra religione e sviluppo economico non è intrinsecamente negativo. Piuttosto, varia nel tempo, e diventa negativo quando la religione ostacola l'adozione di conoscenze economicamente utili.
 
“Questi risultati hanno oggi importanti implicazioni per lo sviluppo economico”, conclude Squicciarini, “poiché molti Paesi in via di sviluppo - dove la religione gioca un ruolo primario nella sfera personale e pubblica - stanno vivendo un progresso tecnologico su larga scala, simile a quello dell'Europa occidentale durante la Seconda Rivoluzione Industriale”.
 
Mara P. Squicciarini. “Devotion and Development: Religiosity, Education, and Economic Progress in Nineteenth-Century France.” American Economic Review, 110 (11): 3454-91. DOI: 10.1257/aer.20191054.

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Un nuovo episodio del podcast Bocconi sulla cybersecurity

    Si parla del significato di cyberwar e di quali minacce corrono le diverse regioni del mondo  

  • Economia di guerra in Ucraina

    L'IGIER visiting student Daniel Nicolae Paraschiv racconta un seminario con Tymofiy Mylovanov, Yuriy Gorodnichenko, Pierre Olivier Gourinchas e Tito Boeri  

Seminari

  Febbraio 2023  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          

Seminari

  • MOLTE RIFORME PER NULLA? TRA STORIA RECENTE E PNRR
    Business law

    MARCO VENTORUZZO - Università Bocconi
    PIERGAETANO MARCHETTI - Università Bocconi
    STEFANIA BARIATTI - Universita' degli Studi di Milano
    RENATO LOIERO - Consigliere economico del Presidente del Consiglio dei Ministri
    MARCO LEONARDI - Universita' degli Studi di Milano

    Room 13 Via Sarfatti, 25

  • Martino Banchio: Adaptive Algorithms and Collusion via Coupling

    MARTINO BANCHIO - Stanford

    Alberto Alesina Seminar Room 5.e4.sr04, floor 5, Via Roentgen 1