Una doppia penalita' per le donne molestate sul lavoro
SCIENZE POLITICHE |

Una doppia penalita' per le donne molestate sul lavoro

NON SONO SOLO VITTIME DI ABUSI, MA SPESSO SONO COSTRETTE A LASCIARE IL LAVORO PER EVITARLI, AFFERMA CAROLINE COLY. NEGLI AMBIENTI IN CUI I COMMENTI SESSISTI SONO TOLLERATI, LE DONNE HANNO 40 VOLTE PIU' PROBABILITA' DI ESSERE AGGREDITE

In ogni singolo anno, il 12% delle donne cade vittima di comportamenti tossici sul lavoro - commenti sessisti, molestie sessuali o fisiche e violenza, con le molestie sessuali e la violenza a costituire il 41% di questi episodi. A peggiorare le cose, questo si traduce in una doppia penalizzazione per le donne, che non solo hanno maggiori probabilità di subire comportamenti tossici, ma finiscono spesso per lasciare il lavoro al fine di evitarli, secondo un paper basato su dati francesi, di cui è co-autrice Caroline Coly, ricercatrice postdoc dell'AXA Research Lab on Gender Equality della Bocconi.
 
In uno studio pubblicato nella Dondena Working Paper Series, Caroline Coly, Cyprien Batut (Chaire Travail PSE, Direction Generale du Trésor) e Sarah Schneider-Strawczynski (Paris School of Economics) conducono una survey su un campione rappresentativo formato da 11.500 donne lavoratrici francesi per valutare la prevalenza dei comportamenti tossici e indagare su cosa può influenzare la probabilità di essere molestate sul posto di lavoro.
 
Non solo trovano che le donne sono frequentemente bersaglio di una varietà di comportamenti tossici, ma osservano anche che gli ambienti in cui sono tollerati comportamenti scorretti apparentemente minori, come le battute sulle donne, si rivelano più a rischio di episodi importanti. Le donne che riferiscono di sentire continuamente commenti sprezzanti o battute sulle donne hanno maggiori probabilità di riferire altri comportamenti più gravi: 15 volte più probabilità di aver ricevuto commenti osceni, 130 volte più probabilità di aver ricevuto proposte sessuali, e 40 volte più probabilità di essere state aggredite fisicamente o sessualmente rispetto a quelle che non hanno mai sentito tali commenti.
 
Le donne sembrano essere più a rischio in alcuni settori specifici, come l'industria dell'ospitalità e della ristorazione, e il rischio di molestie è correlato a salari orari più bassi. Le donne che riportano comportamenti tossici hanno anche maggiori probabilità di lavorare in aziende con una maggiore rappresentanza maschile e una maggiore rappresentanza di dirigenti o amministratori delegati maschi.
 
Coly e i suoi coautori usano infine la nascita del movimento #MeToo come uno shock esogeno sulle norme sociali riguardanti la violenza contro le donne sul posto di lavoro. Nel 2017, il movimento #MeToo ha esposto l'esistenza di una cultura di abuso sul posto di lavoro. A partire da diverse attrici che hanno accusato il produttore cinematografico Harvey Weinstein di stupro e molestie sessuali in contesti lavorativi, il movimento #MeToo è decollato in tutto il mondo e le donne hanno condiviso le loro esperienze di violenza sessuale nella vita quotidiana e lavorativa.
 
In termini di flussi di lavoratori, il #MeToo ha portato ad un aumento della probabilità relativa di uscita delle donne dalle imprese ad alto rischio. Questo suggerisce che il #MeToo ha aumentato la consapevolezza tra le donne che lavorano in ambienti tossici e che, almeno nel breve termine, le loro condizioni di lavoro non sono migliorate abbastanza da trattenerle dall’andarsene.
 
“Cambiando durevolmente le norme di ciò che è accettabile sul posto di lavoro per le donne, il movimento #MeToo, almeno nel breve termine, può aver aumentato la doppia penalità”, conclude Caroline Coly. “Questo movimento sociale non sembra aver modificato le norme che circondano la cultura dell'abuso in alcuni luoghi di lavoro, almeno nel medio termine. Questo dimostra, tuttavia, che un movimento sociale può contribuire ad aumentare la consapevolezza e spingere le donne fuori da situazioni tossiche, in cui sarebbero rimaste più a lungo senza di esso”.
 
Cyprien Batut , Caroline Coly , Sarah Schneider-Strawczynski. “It’s a man’s world: culture of abuse, #MeToo and worker flows.” Dondena Working Paper No 149.
 

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Grazie all'economia circolare, tra quattro anni i bus elettrici converranno anche economicamente

    Uno studio del GREEN Bocconi con la collaborazione di ENEL Foundation rivisita i calcoli di convenienza, tenendo conto dei ricavi possibili grazie al collegamento delle batterie alla rete elettrica e alla loro seconda vita  

  • Due decenni di storia della Banca Centrale Europea

    Simone Boldrini, Visiting Student dell'IGIER, racconta di un seminario di Massimo Rostagno (BCE), coautore di Monetary Policy in Times of Crisis  

Seminari

  Dicembre 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Seminari

  • Non-Stationary Search and Assortative Matching: TU and NTU
    Applied Microeconomics

    Nicolas Bonneton (University of Mannheim)

    Room AS02, Via Roentgen 1 (floor -2)

  • Gender Equality
    Hybrid Event

    Welcome Addresses: Catherine De Vries, Bocconi University - Joanna Carss, UniCredit Foundation; Introduction: Paola Profeta, Bocconi University; Keynote Lecture: Nava Ashraf, London School of Economics and Political Sciences; Winners of the 2021 Best Pepar award in "Gender Economics" UniCredit Foundation: Giannantonio De Roni, UniCredit-Alexia Delfino, Bocconi University-Francesca Truffa, Northwestern University; Discussion: Massimo Anelli, Bocconi University-Francesco D'Amuri, Bank of Italy   In collaboration with UniCredit Foundation   per informazioni: franca.assirelli@unibocconi.it  

    Aula Magna-Via Gobbi 5