Uno sguardo ai percorsi di carriera di successo degli amministratori delegati italiani
NEWS |

Uno sguardo ai percorsi di carriera di successo degli amministratori delegati italiani

IL TIPICO CEO ITALIANO E' UN MASCHIO DI 50 ANNI CON UNA LAUREA IN ECONOMIA O INGEGNERIA. L'ESPERIENZA INTERNAZIONALE E' UN MUST, SECONDO UNA RICERCA DI SDA BOCCONI SCHOOL OF MANAGEMENT

Lo sviluppo della carriera nel mondo del lavoro odierno, in rapida evoluzione, è più complicato che in passato. Uno sguardo al DNA della carriera dei top manager italiani può aiutare a scegliere il giusto percorso di crescita. Un team di ricercatori della Bocconi sta portando avanti una ricerca in tre parti per mappare le carriere degli amministratori delegati, dei top manager e delle donne leader in Italia in termini di formazione, passaggi tra aziende, esperienze internazionali e altri fattori.
 
La prima parte dello studio è stata pubblicata su Economia & Management con il titolo title “How To Get To The Top. The Profile of Italian CEOs”, ed esamina 540 amministratori delegati di aziende top, grandi, medie e piccole, utilizzando LinkedIn e i siti web delle aziende per i dati di carriera su età, istruzione universitaria, lavoro post-laurea e percorso di carriera.
 
Si è scoperto che il tipico CEO di un'azienda italiana è un uomo di 50 anni con una laurea in economia, management o ingegneria (73% delle lauree totali), proveniente da un'università del Nord Italia (con la Bocconi in testa al 12%), una carriera stabile in un unico settore industriale e molto spesso promosso internamente. In termini di età media (49 anni) e bassa percentuale di amministratori delegati donne (6%), l'Italia è in linea con gli standard internazionali.
 
Solo il 27% degli amministratori delegati intervistati ha fatto un MBA, e pochissimi hanno un dottorato di ricerca. Il percorso di carriera è molto più breve nelle aziende più piccole, dove servono 14 anni per raggiungere l’ufficio più importante, rispetto ai 21 anni delle aziende medie, grandi e top. L'esperienza internazionale è un must-have piuttosto che un acceleratore (64% per le aziende top).
 
“Abbiamo scoperto che più alta è la posizione e più grande è l'organizzazione, meno rischio viene preso nelle scelte per la posizione di vertice. La tendenza comune è infatti quella di assumere qualcuno che copriva una posizione di CEO nel suo ruolo precedente, o che operava nello stesso settore o che viene promosso internamente”, dice Laura Baruffaldi, docente di Leadership, Organization & HR presso SDA Bocconi School of Management.
 
La seconda fase dello studio ha preso in esame le posizioni di top management ed è stata completata nel 2019, ripetendo lo stesso tipo di analisi dei CEO. Le donne costituiscono l'11% del top management, “che è un dato ancora molto basso”, osserva Baruffaldi.  Nella categoria del top management, l'esperienza nella consulenza e l'avere un MBA accelera la carriera di due anni.
 
La terza fase riguarda le donne nel top management, e sarà presentata entro metà marzo.
Gli altri autori sono Duccio Alberti, SDA Bocconi Fellow ed Executive Coach; Simone Panigati, ex Community Manager di SDA Bocconi School of Management, e Isabella Pinucci, responsabile Executive Career Development di SDA Bocconi School of Management.

di Jennifer Clark
Bocconi Knowledge newsletter

Persone

  • Le soft skill non hanno genere nei motori di ricerca di lavoro

    Silvia Pedersoli, ricercatrice di CLEAN, e' la creatrice del miglior poster al workshop The Debugging (In)equality in Data Science presso LSE  

  • Mixite', luci a San Siro

    Melissa Miedico guida l'intervento della Bocconi in un progetto per migliorare l'educazione ai diritti in un quartiere problematico di Milano  

Seminari

  Maggio 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Seminari

  • Nicolas Serrano-Velarde, Committing to Grow: Privatizations and Firm Dynamics in East Germany

    NICOLAS ANDRE BENIGNO SERRANO-VELARDE - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1

  • Discovering Hidden Stars: The Garfield Effect in Science (joined with Sebastian Hager & Fabian Waldinger)
    Applied Microeconomics

    CARLO RASMUS SCHWARZ - Università Bocconi

    Room 5-e4-sr04, Via Roentgen 1 (floor 5)