La via (costituzionale) alla democrazia illiberale
DIRITTO |

La via (costituzionale) alla democrazia illiberale

IN MOLTE PARTI DEL MONDO E' IN ATTO UNA REGRESSIONE DEMOCRATICA CHE TENDE A SOFFOCARE I DIRITTI. JUSTIN FROSINI NE PARLA IN UNO STUDIO SUI PAESI DELL'ASIA CENTRALE

È possibile parlare di democrazia illiberale o è una contraddizione in termini? È la domanda che si sono posti ricercatori di tutto il mondo specializzati in diritto costituzionale comparato e riuniti nel gruppo di ricerca su Costituzionalismo nelle democrazie illiberali avviato dalla Iacl, International association of constitutional law. «L’ondata di democratizzazione che sembrava inarrestabile si è infranta», spiega Justin Frosini, professore associato di diritto pubblico comparato della Bocconi e membro del gruppo di ricerca dell’Iacl. «Esaurito l’entusiasmo di quindici anni fa, quando sembrava che la liberal-democrazia stesse per conquistare il mondo e si fosse arrivati alla fine della storia, per usare le parole di Francis Fukuyama, si è cominciato a parlare di regressione democratica. Paesi considerati democrazie consolidate sono entrati in crisi. Il premier ungherese Viktor Orbán ha affermato esplicitamente di volere trasformare il paese in una democrazia illiberale». Revisioni costituzionali perfettamente legali dal punto di vista formale e procedurale trasformano democrazie pluraliste in democrazie illiberali che non proteggono, ma soffocano i diritti politici e civili. Accade in tutto il mondo e perciò il progetto dell’Iacl è diviso in gruppi di lavoro per aree geografiche e tematiche.

Ha debuttato nell’aprile 2016 con un workshop in Bocconi su Constitutionalism in Illiberal Democracies e si è sviluppato attraverso eventi in vari atenei e articoli su riviste specializzate. La pubblicazione più recente è un’edizione speciale di Central Asia Survey su Pseudo-Constitutionalism in Central Asia: Curse or Cure?. Frosini vi ha contribuito con uno studio dei preamboli delle costituzioni dei paesi dell’Asia centrale. «Esprimono i principi tipici del costituzionalismo liberal-democratico, ma di fatto gli organi fondamentali per il bilanciamento dei poteri non svolgono la funzione loro assegnata. Siamo di fronte a una forma di pseudo-costituzionalismo. La Costituzione è usata come facciata».

Per approfondire
La democrazia  tra rappresentanza e... like
La relazione tra antiterrorismo e campagna elettorale
Italia, Germania e Giappone: tre esempi per superare il totalitarismo
La sottile linea che separa pluralismo e populismo
Modificare il modello per rispondere ai cittadini
La democrazia a due livelli di imprese e startup innovative
L'anti terrorismo che mette a rischio i valori di tutti

 
 

di Claudio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Perche' le aziende familiari sono piu' resilienti

    Alcune caratteristiche delle famiglie imprenditoriali amplificano le capacita' del top management team di assorbire e riprendersi dagli shock, secondo un'analisi di Bocconi, Unicredit e AIDAF  

  • Una mappa dell'attrattivita' degli investimenti nelle infrastrutture agroalimentari

    Uno studio a cura di Stefano Gatti, titolare della cattedra Antin Infrastructure Partners in Infrastructure Financing, traccia le tendenze di lungo periodo e mette a confronto le varie applicazioni in un settore sempre piu' importante  

Seminari

  Settembre 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Seminari

  • Enrico Diecidue: Timing and skewness of information revelation: evidence on information structures and compound lotteries

    ENRICO DIECIDUE - INSEAD

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen)

  • Stefano Rossi, Bocconi University: The Coherence Side of Rationality: Rules of Thumb, Narrow Bracketing, and Managerial Incoherence in Corporate Forecasts

    STEFANO ROSSI - Università Bocconi

    Sala seminari 2-e4-sr03 - Via Roentgen, 1