Quando il commercio internazionale aumenta la possibilita' di conflitto
SCIENZE POLITICHE |

Quando il commercio internazionale aumenta la possibilita' di conflitto

PACE E PROSPERITA', MA NON SOLO. LO SPIEGA UN PAPER DI KERIM CAN KAVAKLI

Il commercio internazionale favorisce pace e prosperità. In determinate circostanze, però, può contribuire a incrementare il rischio di conflitto fra due stati. Kerim Can Kavakli, assistant professor presso il Dipartimento di scienze sociali e politiche, è giunto a questa conclusione utilizzando una banca dati estremamente dettagliata sul commercio internazionale fra il 1962 e il 2000. “È la prima volta che questo database viene usato nel campo delle scienze politiche”, spiega. Per ogni paese, Kavakli e il coautore J. Tyson Chatagnier hanno esaminato i livelli di esportazione relativi a quasi 1.300 merci. In base a questi dati, hanno poi determinato in quale misura coppie di paesi sono concorrenti sul mercato internazionale. “Abbiamo scoperto che i paesi che commerciano prodotti simili hanno maggiori probabilità di scontrarsi. La possibilità che nasca una crisi o che si accenda un conflitto, non necessariamente una guerra, sale dal 10% al 25%”. Accade indipendentemente da forma di governo, cultura politica, equilibrio dei poteri, distanza geografica, livello di sviluppo economico, legami commerciali bilaterali. L’effetto è più pronunciato quando i due paesi commerciano in beni industriali, meno quando competono nella vendita di materie prime. Gli autori pensano che la relazione fra commercio internazionale e conflitto sia mediata dai gruppi di interesse nazionali che influenzano la classe dirigente, usano la politica estera per ottenere vantaggi economici e scaricano i costi sul paese. È un monito circa i pericoli della globalizzazione?

“La letteratura ha dimostrato che i legami commerciali favoriscono la pace fra coppie di stati. Si potrebbe perciò pensare che l’integrazione economica stia rendendo la Cina più pacifica. La nostra ricerca mostra che può incrementare il rischio di conflitto con i paesi che vendono prodotti simili sul mercato globale”.

Per approfondire
Capire il rischio in azienda e nelle nostre vite
La governance aziendale non è a prova di cigno nero
I guai veri cominciano quando pensiamo di essere in grado di calcolare ogni cosa
Di fronte all'ambiguità il policy maker reagisce come facciamo tutti noi, esseri umani
Un ponte grazie al quale la teoria delle decisioni incontra l'analisi del rischio
Nessun sistema economico è al sicuro, perché gli shock viaggiano velocemente e, molto spesso, in direzioni inattese
Con le simulazioni Monte Carlo, arriva una rivoluzione epocale nella valutazione probabilistica del rischio nei business plan
Ridurre le infezioni ospedalieri con nuovi metodi di pulizia
 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • La ricerca e le politiche contro il cambiamento climatico

    Gli studenti Bocconi raccontano i seminari organizzati dal centro di ricerca IGIER. Nella terza puntata della serie, Federico Scabbia sul lavoro di Solomon Hsiang, Berkeley University, Christian Gollier, Toulouse University, and Tom van Ierland, DG Climate Action  

  • Perche' la deterrenza americana puo' non funzionare

    In un mondo pieno di regimi bene armati e imprevedibili, fare il muso duro e' piu' pericoloso che mai  

Seminari

  Novembre 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Seminari      

Tutti i Seminari
  • The Macroeconomics of Sticky Prices with Generalized Hazard Functions
    Macroeconomics

    Francesco Lippi (LUISS University)

    Webinar

  • Self-image Bias and Lost Talent

    Pietro Veronesi, University of Chicago. In order to receive the invitation link for the online streaming, please contact dip.fin@unibocconi.it  

    Webinar