Nessun sistema economico e' al sicuro, perche' gli shock viaggiano velocemente e, molto spesso, in direzioni inattese
FINANZA |

Nessun sistema economico e' al sicuro, perche' gli shock viaggiano velocemente e, molto spesso, in direzioni inattese

UNO STUDIO DI MARIANO MAX CROCE DIMOSTRA COME GLI SHOCK DI INCERTEZZA SI TRASMETTANO DAI PAESI PICCOLI A QUELLI DI DIMENSIONI MAGGIORI

Il contagio fra paesi rappresenta un rischio per un’economia mondiale interconnessa. Si potrebbe pensare che siano i grandi paesi a trasmettere gli shock a quelli piccoli. E invece, in uno studio incentrato sulle principali economie mondiali, Mariano Max Croce ha dimostrato con Riccardo Colacito, Yang Liu e Ivan Shaliastovich che gli shock di incertezza si trasmettono più facilmente nella direzione opposta, vale a dire dai “piccoli” ai “grandi”.
Gli autori si sono concentrati, in particolare, sugli shock da incertezza relativi alla produzione nazionale e si sono chiesti quanto e come essi si trasmettano ai consumi di altri paesi, ai mercati azionari, ai tassi di cambio.

Per farlo, hanno messo a confronto da una parte un indice di incertezza, che tiene conto delle stime e del Pil effettivamente realizzato, e dall’altra dati macroeconomici del periodo 1971-2013 relativi a 17 paesi divisi fra Gruppo dei sette (Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti) e altri (Australia, Belgio, Danimarca, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera). “Lo shock da incertezza che ha origine in un singolo paese si trasmette ai consumi degli altri paesi per il 50%. Significa che un aumento dell’1% dell’instabilità della produzione nel paese A provoca un aumento dello 0,5% della instabilità dei consumi nel paese B”, spiega Croce.
La percentuale sale al 70% quando lo shock ha origine in uno dei 17 paesi con il Pil più basso. Com’è possibile? “L’incertezza viene scaricata sui partner internazionali grazie alla sottoscrizione di contratti finanziari derivati e all’aggiustamento del rapporto import-export”. A causa dell’integrazione economico-finanziaria, l’effetto è persino maggiore sull’instabilità del mercato azionario: lo shock viene trasferito per il 90%. “Si registra, invece, una disconnessione fra l’incertezza relativa ai consumi e la volatilità dei tassi di cambio”, spiega Croce.

Per approfondire
Capire il rischio in azienda e nelle nostre vite
La governance aziendale non è a prova di cigno nero
I guai veri cominciano quando pensiamo di essere in grado di calcolare ogni cosa
Di fronte all'ambiguità il policy maker reagisce come facciamo tutti noi, esseri umani
Un ponte grazie al quale la teoria delle decisioni incontra l'analisi del rischio
Quando il commercio internazionale aumenta la possibilità di conflitto
Come ti rendo innocui i non performing loan
Con le simulazioni Monte Carlo, arriva una rivoluzione epocale nella valutazione probabilistica del rischio nei business plan
Ridurre le infezioni ospedalieri con nuovi metodi di pulizia

 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • La ricerca e le politiche contro il cambiamento climatico

    Gli studenti Bocconi raccontano i seminari organizzati dal centro di ricerca IGIER. Nella terza puntata della serie, Federico Scabbia sul lavoro di Solomon Hsiang, Berkeley University, Christian Gollier, Toulouse University, and Tom van Ierland, DG Climate Action  

  • Perche' la deterrenza americana puo' non funzionare

    In un mondo pieno di regimi bene armati e imprevedibili, fare il muso duro e' piu' pericoloso che mai  

Seminari

  Novembre 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Seminari      

Tutti i Seminari
  • The Macroeconomics of Sticky Prices with Generalized Hazard Functions
    Macroeconomics

    Francesco Lippi (LUISS University)

    Webinar

  • Self-image Bias and Lost Talent

    Pietro Veronesi, University of Chicago. In order to receive the invitation link for the online streaming, please contact dip.fin@unibocconi.it  

    Webinar