Di fronte all'ambiguita' il policy maker reagisce come facciamo tutti noi, esseri umani
ECONOMIA |

Di fronte all'ambiguita' il policy maker reagisce come facciamo tutti noi, esseri umani

RICERCATORI, GIORNALISTI, STUDENTI: PER TUTTI MEGLIO IL NOTO DELL'IGNOTO, COME DIMOSTRA UN ESPERIMENTO DI VALENTINA BOSETTI

Quando è messo di fronte a scelte caratterizzate da ambiguità, il policymaker impegnato nella definizione delle politiche sul clima non si comporta in modo perfettamente razionale ma è, come molti di noi, avverso all’ambiguità. I tratti caratteriali e le preferenze della élite che si occupa di clima sono al centro di un esperimento sul campo condotto da Valentina Bosetti e Loïc Berger nel corso di Cop 21, la conferenza sui cambiamenti climatici che si è tenuta a Parigi nel 2015. Durante i negoziati, membri delle delegazioni e delle Ong, ma anche ricercatori, giornalisti e rappresentanti del settore privato provenienti da 52 diversi paesi sono stati messi di fronte a coppie di urne contenenti palline rosse e nere in proporzione conosciuta o sconosciuta o determinata in modo casuale. Ai partecipanti è stato chiesto di effettuare delle scommesse sulla composizione delle urne, a fronte di un premio economico in caso di successo.

L’ambiguità della situazione derivava non solo dall’incertezza circa l’avverarsi di eventi casuali, ma dalla mancanza di sufficienti informazioni, tipica di chi si occupa di cambiamenti climatici. “Abbiamo condotto un esperimento del tutto analogo su studenti universitari presso il Bocconi Experimental Laboratory in the Social Sciences”, spiega Valentina Bosetti. Di fronte all’ambiguità, i policymaker si sono comportati esattamente come gli studenti, dimostrando di essere avversi all’ambiguità in modo consistente, ovvero di preferire situazioni in cui le probabilità sono note a situazioni in cui esse sono ignote. “Tale avversione non deriva necessariamente da un difetto di ragionamento, né da incapacità di calcolo. Il comportamento potrebbe quindi essere frutto di preferenze intrinseche di fronte a probabilità sconosciute. L’esperimento è un primo passo nella comprensione dell’avversione all’ambiguità del social planner non come tratto irrazionale, ma come parte delle sue preferenze in quanto essere umano”.

Per approfondire
Capire il rischio in azienda e nelle nostre vite
La governance aziendale non è a prova di cigno nero
I guai veri cominciano quando pensiamo di essere in grado di calcolare ogni cosa
Un ponte grazie al quale la teoria delle decisioni incontra l'analisi del rischio
Nessun sistema economico è al sicuro, perché gli shock viaggiano velocemente e, molto spesso, in direzioni inattese
Quando il commercio internazionale aumenta la possibilità di conflitto
Come ti rendo innocui i non performing loan
Con le simulazioni Monte Carlo, arriva una rivoluzione epocale nella valutazione probabilistica del rischio nei business plan
Ridurre le infezioni ospedalieri con nuovi metodi di pulizia

 

di Claudio Todesco

News

Tutte le News
  • Quanto valgono le scelte dei singoli

    Paolo Pin individua alcuni meccanismi sociali che pregiudicano o rendono efficaci le politiche di contenimento  

  • L'importanza di un servizio sanitario nazionale forte

    Eduardo Missoni e un team di alumni hanno studiato come i sistemi sanitari hanno affrontato l'emergenza COVID  

Seminari

  Settembre 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Lighthouse in the Dark: Information in Private Lending

    Shasha Li, Università Bocconi BROWN BAG SEMINAR

    Sala riunioni AS02 - Via Roentgen, 1

  • Enhancing the Composition of Digital Content along the Customer Journey

    Daniela Schmitt, The Wharton School, University of Pennsylvania Seminario Job Market Per informazioni contattare dip.mkt@unibocconi.it

    Webinar