La corruzione politica segna i giovani elettori per sempre
SCIENZE POLITICHE |

La corruzione politica segna i giovani elettori per sempre

VENTICINQUE ANNI DOPO LO SCANDALO MANI PULITE, CHI HA VOTATO PER LA PRIMA VOLTA NEL 1994 REGISTRA ANCORA MENO FIDUCIA NELLE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE E HA MAGGIORI PROBABILITA' DI VOTARE PER I PARTITI POPULISTI, SECONDO TRE STUDIOSI DELL'UNIVERSITA' BOCCONI

Secondo uno studio di tre ricercatori della Bocconi, la corruzione politica ha un effetto di lungo termine sulla fiducia nelle istituzioni democratiche e sul comportamento degli elettori e tale effetto differisce a seconda dell’età degli elettori: chi vota per la prima volta quando la corruzione è al centro delle cronache può portarne ancora i segni 25 anni dopo.
 
In particolare, Arnstein Aassve, Gianmarco Daniele e Marco Le Moglie si concentrano sullo scandalo Mani pulite che, tra il 1992 e il 1994, ha rivelato la corruzione diffusa tra i politici italiani. Il 23% dei parlamentari nazionali e il 75% dei deputati della Democrazia cristiana e del Partito socialista allora in carica sono stati accusati di corruzione e la campagna elettorale del 1994 è stata combattuta su questo argomento. La corruzione politica, fino ad allora completamente assente nei notiziari italiani, divenne il tema più importante sia nei telegiornali che nei quotidiani (con quasi il 90% delle prime pagine dedicate allo scandalo nel 1993).
 
Utilizzando i dati di Trustlab, uno sforzo coordinato dall'Ocse per raccogliere dati comparati sulla fiducia e sulle convinzioni politiche, gli studiosi trovano che coloro che hanno votato per la prima volta nel 1994 hanno avuto il 9% di probabilità in più di votare per i partiti populisti nel 2018 e registrano una minore fiducia istituzionale (cioè la fiducia nel parlamento, nel governo e nei funzionari pubblici). La loro fiducia in organismi non immediatamente collegati allo scandalo Mani pulite (polizia, media e istituzioni finanziarie) e la loro fiducia sociale (fiducia verso altri individui) non registrano, invece, scostamenti significativi.
 
L'effetto è più forte per gli individui meno istruiti e per le persone più esposte ai notiziari televisivi nelle aree più colpite dallo scandalo della corruzione. Inoltre, l'effetto è determinato in gran parte dal voto per la Lega, mentre quello per il Movimento 5 Stelle ne è molto meno influenzato.
 
«Il nostro studio evidenzia l'importanza di uno shock politico informativo quando la malleabilità delle credenze e degli atteggiamenti è più elevata, sia per l'età di chi vota la prima volta, sia perché il diritto di voto comporta un'esposizione senza precedenti alla politica e alle notizie politiche», dice il primo autore, Arnstein Aassve, professore ordinario di demografia all'Università Bocconi.
 
Gli elettori che hanno votato per la prima volta al momento dello scandalo riferiscono anche di un atteggiamento più duro nei confronti di immigrati e rifugiati nel 2018, «suggerendo», scrivono gli studiosi, «un affascinante spill-over, per cui gli effetti dannosi della corruzione potrebbero non limitarsi alla fiducia e al voto, ma estendersi alle politiche sostenute da partiti populisti».
 
Arnstein Aassve, Gianmarco Daniele e Marco Le Moglie, Never Forget the First Time: The Persistent Effects of Corruption and the Rise of Populism in Italy, disponibile su SSRN: http://dx.doi.org/10.2139/ssrn.3280498.

Per approfondire
L'ingenua illusione della razionalita' umana
L'influenza degli altri nella scelta dell'università
Quando la rabbia fa danno a noi e agli altri
Tra pratica e grammatica, vince la riflessione
Le scelte degli altri rendono simili le organizzazioni
Prendere decisioni razionali fa bene alla performance
Come cambiano  gli assi dell'appartenenza politica
 

di Fabio Todesco

News

Tutte le News
  • I rapporti tra generazioni trasformati in un rischio

    L'Europa del Sud registra il piu' alto tasso al mondo di contatti tra over 60 e giovani in eta' scolare e cosi' un forte potenziale di contagio per una malattia sensibile all'eta' come il COVID19  

  • Perche' rispettiamo, o no, le regole di distanziamento sociale

    Pamela Giustinelli e una collega dell'UCL vogliono capire come la gente comune in Italia, Regno Unito e Stati Uniti percepisca i costi e i benefici del lockdown da COVID19  

Seminari

  Aprile 2020  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Seminari      

Tutti i Seminari
  • Which scientific results can we trust? Evidence from replications and prediction markets
    Development Labor Political Economy - DLPE

    Anna Dreber (Stockholm School of Economics)

    Webinar

  • SEMINARIO ANNULLATO: Errore giudiziale e sistema di impugnazione
    Ciclo di seminari di Filosofia del diritto

    ATTN: IL SEMINARIO E' STATO ANNULLATO   Flavia Carbonell, Universidad de Chile

    Sala riunioni 1.C4-SR01, primo piano, Via Roentgen 1